Emis Killa non segue il buonismo di Fedez: il politicamente corretto ha rotto il c…

sabato 8 Maggio 19:58 - di Riccardo Angelini
Emis Killa

Diventano un caso i tweet provocatori del rapper Emis Killa che oggi il blog di Nicola Porro presenta come l’anti-Fedez. Perché Emis Killa, alias Emiliano Rudolf Giambelli, musicista di Vimercate, “ha deciso di sfidare a viso aperto il politicamente corretto”.

Emis Killa: il politicamente corretto ha rotto il c….

E lo ha fatto dicendo senza mezzi termini che “il politicamente corretto ha rotto il c…“. Poi ha ribadito il concetto: “Di sto passo va a finire che se uno str… ti mette le mani addosso devi sperare che sia italiano, etero e atletico, se no sei razzista, omofobo o ‘bullo’”. Decisamente in rotta di collisione con il conformismo imperante anche un terzo tweet di Killa: “Mi guardo Frozen con mia figlia, speriamo nessuno s’incazzi perché il pupazzo di neve l’han fatto bianco”.

Le critiche e la replica di Emis Killa

L’artista si mostra anche sdegnato perché nel film Space Jam 2 la coniglietta Lola Bunny viene trasformata e resa meno sexy per evitare critiche di sessismo. E non di meno si stupisce perché nei cartoon della Warner Bros il personaggio Pepè la puzzola è stato censurato perché accusato di “molestie”. “Però – scrive in un tweet – hanno reso quella figa di Lola bunny uguale al bullo che menava gli altri bambini in oratorio perché se no alcune ragazze si sentivano in difetto. Hanno anche accusato la puzzola di stupro. Dai oh!“.

Alle molte critiche ricevute replica così: “Riguardo i tweet appena condivisi, chiunque abbia un Q.I. Superiore a 28 capirà il senso delle mie parole e soprattutto che non c’è nessun attacco a nessuna minoranza/etnia/tipologia di persone. Sono per l’eguaglianza, nessuno escluso, ma non sono per l’ipocrisia o il vittimismo“.

L’intervista in cui dichiarò di essere contrario alle adozioni gay

Nel 2012 Emis Killa ha rilasciato un’intervista a “Vanity Fair” in cui, oltre a rivelare il proprio passato burrascoso al limite della legalità, dichiarava di essere contrario all’adozione da parte delle coppie gay. Le sue frasi hanno suscitato un polverone in Rete: accusato di essere omofobo, ha replicato definendo sfigato chi lo ha criticato. Tuttavia, intervistato da Un giorno da pecora nel 2018 Emis Killa ha detto che la politica non gli interessa, e che essendo un musicista vuole parlare solo di musica. Da notare che Killa e Fedez hanno cantato insieme alcuni brani, prima che Fedez si distaccasse dal genere rap per fare musica più commerciale. Tra l’altro il pezzo in cui si parla di stupro alla Moratti è cantato proprio con Emis Killa.

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *