Tragedia a Torino: uccide la moglie, il figlio disabile e i vicini di casa. Poi si spara al volto

domenica 11 Aprile 9:38 - di Mia Fenice
Uccide

Uccide la moglie, il figlio disabile e i padroni di casa e poi si spara al volto ferendosi gravemente. È successo a Rivarolo Canavese, in provincia di Torino. A scoprirlo sono stati i carabinieri della Compagnia di Ivrea che, intorno alle 3.15 di stanotte, all’interno di una abitazione privata hanno trovato quattro persone morte nelle ore precedenti, uccise da colpi di arma da fuoco esplosi da un pensionato.

Torino, l’uomo si spara al volto

L’uomo, mentre i carabinieri cercavano di entrare nell’appartamento attraverso il balcone con l’aiuto dei vigili del fuoco, si è sparato al volto rimanendo gravemente ferito. Le vittime sono la moglie e il figlio disabile del pensionato, nonché una coppia di anziani coniugi proprietari dell’abitazione, che vivevano nell’appartamento posto al piano di sopra. Per l’omicidio è stata utilizzata una pistola regolarmente detenuta. Il ferito è stato trasportato in ospedale a Torino in gravi condizioni.

Torino, uccide la moglie, il figlio e i vicini di casa

Gli investigatori stanno ascoltando vicini e parenti delle persone coinvolte. La strage molto probabilmente è avvenuta alcune ore prima rispetto al ritrovamento. È stata infatti la figlia dei coniugi a dare l’allarme intorno a mezzanotte perché da ore non sentiva i genitori.

Come si legge su TorinoToday, secondo i primi riscontri, nella serata di ieri l’uomo avrebbe prima ucciso il figlio e poi la moglie. I vicini-padroni di casa, sentendo le urla e gli spari, sarebbero scesi a vedere che cosa stesse succedendo. L’anziano, trovandoseli davanti, avrebbe fatto fuoco uccidendo anche loro. Poco dopo la loro figlia ha dato l’allarme poiché non li sentiva ed era andata a controllare. La donna non li aveva trovati nel proprio appartamento. I carabinieri, arrivati sul posto, hanno suonato a tutti i citofoni e si sono resi conto che, a parte i coniugi scomparsi, l’unica famiglia che non rispondeva era quella della famiglia uccisa. Così hanno chiamato i vigili del fuoco per entrare nell’appartamento. A quel punto l’anziano si è sparato in bocca.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *