L’immunologa Viola si schiera con i ristoratori: «Coprifuoco alle 22? Non ci sono ragioni scientifiche»

mercoledì 28 Aprile 10:57 - di Milena Desanctis
Antonella Viola

L’immunologa Antonella Viola ancora una volta dice apertamente di non condividere la scelta del coprifuoco alle 22. Dà quindi ragione a Giorgia Meloni – che ha definito questa misura “inutile e liberticida” – e a Matteo Salvini. In un intervento su La Stampa scrive: «Il tema che però sta facendo discutere maggiormente riguarda il coprifuoco e anche qui la scienza può aiutarci a orientarci verso una soluzione condivisa. Uno studio recente ha mostrato che in Europa l’impatto del coprifuoco sull’indice Rt si aggira intorno al 13%; per intenderci, la chiusura delle attività come in zona rossa ha un impatto intorno al 40%, mentre il divieto di incontri in luoghi chiusi incide per circa il 30%».

Antonella Viola: «Il coprifuoco favorisce comportamenti scorretti»

L’immunologa dell’università di Padova poi entra nel dettaglio. «Il problema del coprifuoco non è semplice. Da un lato servirebbe a ridurre la mobilità e quindi gli incontri, dall’altro potrebbe avere l’effetto contrario». Spingendo, osserva, «tutti a riversarsi in bar e ristoranti nelle poche ore che vanno dal temine dell’attività lavorativa alla chiusura dei locali. Inoltre, favorirebbe i comportamenti scorretti, spingendo le persone a riunirsi in case private, dove il rischio di contagio è altissimo».

Per continuare a leggere l'articolo abbonati oppure accedi

Sostienici

In evidenza

News dalla politica

Array ( [0] => ppm-bundle )
Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )