Vigilia di Sanremo, Amadeus: «Umberto Tozzi ospite della finale». I 26 big nelle prime due serate

lunedì 1 Marzo 14:53 - di Eugenio Battisti

Alla vigilia tutto è pronto per il Festival di Sanremo, che doveva svolgersi a tutti i costi. Come ha detto il direttore di Rai 1 Coletta. Le polemiche sulle misure anti-covid e la partecipazione del pubblico sono archiviate. Ne arriveranno altre. Che hanno sempre accompagnato la storia della storica manifestazione canora. Giunta alla 71esima edizione.

Sanremo, tutti i big delle due prime serate

I 26 Big in gara a Sanremo saranno divisi nelle prime due serate del festival. I tredici artisti che si esibiranno domani sul palco dell’Ariston saranno in ordine alfabetico: Aiello, Arisa, Annalisa, Colapesce Dimartino, Coma_Cose, Fasma, Francesca Michielin e Fedez. Francesco Renga, Ghemon, Irama, Madame, Maneskin, Max Gazzè.

Mercoledì sarà invece la volta di Bugo, Gaia, Ermal Meta, Extraliscio, Gio Evan, Fulminacci, La Rappresentante di Lista, Lo Stato Sociale, Malika Ayane, Noemi, Orietta Berti, Random, Willie Peyote. Anche le 8 Nuove Proposte, come i Big, saranno divise tra le due prime serate del festival. Sul palco dell’Ariston domani saliranno, in ordine alfabetico: Avincola, Elena Faggi, Folcast, Gaudiano. Mercoledì sarà poi la volta di Davide Shorty, i Dellai, Greta Zuccoli, Wrongonyou.

Amadeus annuncia Umberto Tozzi ospite per la finale

Tra le ospitate più attese, segnalate da Amadeus, quella di Umberto Tozzi. Il cantautore di Gloria, successo mondiale del 1979, sarà ospite della serata finale di Sanremo. Il conduttore del Festival ha annunciato che il cantante “verrà all’Ariston con la sua band. Anche per spiegare come durante la pandemia ha cercato di aiutare i musicisti che lavorano abitualmente con lui”. Saranno tanti gli artisti ospiti che parleranno anche delle tante iniziative messe in campo per riparare agli effetti ‘devastanti delle chiusure di live e concerti’. Amadeus, davanti alla stampa, si è detto emozionato. Per un percorso che è  stato  difficilissimo.  “Voglio ringraziare la Rai e tutti quelli che hanno lavorato insieme a me perché questo festival non venisse cancellato”. La gente di Sanremo – aggiunge – mi dice ‘siamo contenti che voi siate qua’. Regaleremo cinque serate di musica, con 26 canzoni bellissime, e di spettacolo, con Fiorello e tanti ospiti. Sul palco porteremo l’amicizia e l’allegria che speriamo sia contagiosa per chi ci segue da casa“.

Il direttore di Rai 1: “Il Festival andava fatto a ogni costo”

“Non farlo sarebbe stato grave vulnus per servizio pubblico”, ha detto alla stampa il direttore di Rai 1. Un’edizione
‘whatever it takes’, per dirla alla Draghi. “Non farlo sarebbe stato un grave vulnus per il servizio pubblico non essere qui e non organizzare questo grande show”.

Fiorello: “Siamo inseparabili, nemmeno Renzi potrebbe separarci”

Fiorello annuncia diversi interventi canori. “Giocherò anche con alcuni ospiti. Per esempio faremo un omaggio a Carosone con Enzo Avitabile. In cui, lui non lo sa ancora, ma dovrà cantare ‘Caravan Petrol’ anche Amadeus”. “Siamo gli inseparabili, neanche Renzi riuscirebbe a separarci”, ha detto ancora lo show man scherzando alla conferenza inaugurale di Sanremo.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica