Peggio di una mucca pazza: Zingaretti apre al M5S nel Lazio e chiude alla Raggi su Roma

giovedì 4 Marzo 10:32 - di Valerio Falerni
Zingaretti

L’unica certezza è che non ci sono certezze. È messo davvero male il Pd. Peggio ancora il suo segretario Nicola Zingaretti. Chissà quante volte avrà stramaledetto Matteo Renzi per avergli di fatto impedito – correva l’agosto del 2019 – di tornare alle urne, come gli chiedeva l’altro Matteo, Salvini. E come sarebbe stato suo interesse, dal momento che i gruppi parlamentari erano in gran parte espressione dell’attuale leader di Italia Viva. Ma dovette tracannare l’amaro calice e fare di necessità virtù. Il resto è storia nota: il Conte-bis, la pandemia, lo strattone di Renzi, l’illusione di un rapido rimpasto al grido di «Conte o morte», la disillusione e, infine, Mario Draghi.

Leadership sempre più traballante

Un’altalena di situazioni che ha finito per schiodarne la leadership da una stabilità rivelatasi più apparente che reale. Tra i dem è tornato d’attualità il congresso, le correnti hanno rialzato la testa e ora la poltrona di Zingaretti traballa. Lui risponde con zeppe messe qui e lì per puntellare se stesso e la sua strategia, cioè l’alleanza con il M5S. Il problema (per lui) è che lo fa l’andatura zigzagante di un ubriaco. Basti pensare che nel giro di poche ore ha cooptato i grillini nella giunta del Lazio per poi opporre ancora un rifiuto alla ricandidatura di Virginia Raggi a Roma. È come se il presidente della Regione non andasse d’accordo con il segretario del Pd nonostante siano la stessa persona: Zingaretti, appunto.

Zingaretti stordito dai sondaggi (-4,3%)

Contraddizioni che il grosso del partito traduce come incertezze ed esitazioni. A preoccupare sono soprattutto i sondaggi pubblicati dopo la decisione dei 5Stelle di mettersi nelle mani di Conte. La cura Giuseppi a loro va benissimo: +6,2. Ma il Pd lo manda al tappeto: -4,3. Un salasso che gli oppositori interni, in parte sobillati da Renzi (sempre lui), sono pronti a rinfacciargli come salatissimo costo del suo appiattimento su Conte nei giorni della crisi di governo. Ma Zingaretti non ha alternative: deve continuare a scommettere sull’alleanza con il M5S. Proprio per questo finirà per ingoiare anche la Raggi mettendo finalmente d’accordo il presidente della regione Lazio con il segretario del Pd.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica