Mentana fulmina la Merlino. Lei gli fa i complimenti e lui la gela: “Ovvio che ho ragione” (video)

giovedì 4 Marzo 20:15 - di Redazione
Mentana Merlino

Siparietto su La 7, il  maestrino e la scolaretta. Ospite d’eccezione Enrico Mentana a “L’Aria che tira”. Myrta Merlino lo tartassa. Differenze tra governo Draghi e governo Conte, il futuro politico dell’Italia e il vaccino russo Sputnik. La conduttrice gli fa un complimento.  “Hai azzeccato una previsione dopo l’altra”,  lo loda. Il riferimento era diretto soprattutto alle scarsissime possibilità che Mentana dava al Conte ter. Lui, insensibile:  “È abbastanza ovvio – le fa notare con poco tatto- che se un governo non ha la maggioranza poi non la ritrovi pescando in Parlamento: è l’inerzia della politica”, le risponde Mentana in versione maestro di giornalismo.

Mentana gela l’entusiasmo della Merlino

Seconda domanda: trova le differenze tra il governo precedente e il nuovo. “Conte e Draghi sono uno l’opposto dell’altro. Non c’è nessuna norma della costituzione che vieta al premier di apparire frequentemente in televisione. Conte ha deciso di farlo e si porta dietro una popolarità. Con Draghi, delle misure parlano i ministri competenti. Draghi deve fare i fatti e lo giudicheremo per quelli”,  spiega ancora Mentana un po’ ruvidamente alla Merlino.

Mentana sullo Sputnik: “Ovvio…”

La conduttrice passa ad altro, Mentana non è in vena di salamelecchi. Passando alle complicazioni a livello europeo che sta colpendo la distribuzione dei vaccini, la conduttrice gli chiede: “C’è da accelerare senza se e senza ma sullo Sputnik?”. Anche qui la risposta è secca e aneddotica.  “Non importa se il gatto è nero o bianco purché acchiappi il topo. Non si tratta di dividersi in filorussi o antirussi, se lo Sputnik funziona, perché no”? Insomma, dal tono sembrava che Mentana volesse sottolineare l’ovvietà delle domande.

Mentana alla Merlino: “La domanda è un’altra…”

Ultima trance di intervista: la Merlino chiede a Mentana una previsione sul futuro politico: “Che fine faranno i partiti ora che Draghi e suoi uomini governano. E soprattutto chi rischia di più?”. Mancava solo che Mentana rispondesse alla sua maniera: “Non sono mica Nostradamus…”. Invece risponde così, dando una lezioncina all'”allieva”: “Il Pd è il partito che rischia di più, perché chi ha insediamento, ma non una forte identità, rischia di più”.  Il Pd ha commesso un errore enorme che è quello di legare l’avventura alla figura di Conte. I sondaggi confermano che con Conte i 5S vanno sopra il 20% e il Partito democratico diventa la quarta forza del Parlamento. La domanda da porsi è: che cosa vuole per il futuro il Pd” ? Anche in questo caso una stoccatina velata alla conduttrice: sembra volerle dire: fai domande più centrate. La Merlino sfodera il suo aplomb e fa finta di nulla.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *