Mentana contro Speranza: “La gente vuole vivere, non ci vuole uno psicologo per capirlo”

martedì 2 Febbraio 15:39 - di Adriana De Conto

Assembramenti: “Ci risiamo” con la colpevolizzazione degli italiani. Enrico Mentana si scatena con i “decisori”, con il ministro Speranza in particolare. Gli assembramenti avvenuti nelle regioni in zona gialla hanno subito innescato le ire di politici e virologi pronti a scaricare la responsabilità dei contagi su tutti . E invece, le nuove regole firmate dal ministro della Salute Speranza in primis parlano chiaro. Il direttore del Tg La7  è chiaro. Prima allentano le regole contro il coronavirus, poi si lamentano.  “Ci risiamo: avendo le autorità annunciato che da oggi gran parte dell’Italia sarebbe tornata in giallo, ieri in tanti sono usciti a passeggiare in centro, in ogni comune grande o piccolo. E sono fioccate immediate le proteste e le parole d’allarme e preoccupazione per gli assembramenti e i comportamenti irresponsabili di troppi cittadini“.

Mentana a Speranza: “Tu e gli scienziati…”

Ora basta, fa capire Mentana, che scrive: “Ma insomma, cari decisori, se alleggerite le misure il segnale implicito che date è chiaro: la curva è gradualmente in miglioramento, e le regole si adeguano”. Secondo il direttore del Tg La7 non ci vuole uno psicologo per spiegare che “nella percezione di tutti se la situazione non è critica di lunedì, allora non lo è neanche il pomeriggio precedente”. E ancora più netto e ironico: “Non è che il Covid stacca come un operaio a fine turno. E fare un giro nel giorno festivo con gli amici – fatti salvi mascherina, distanziamento e amuchina – non viene vissuto come un cimento più pericoloso del viaggio in treno, bus o metrò verso scuola o lavoro della mattina dopo”. Da applausi.  Mentana non è certo uno che abbia mai avallato atteggiamenti imprudenti, tutt’altro. Ma quando le accuse fanno a cazzotti con le regole avallate e con la psicologia è troppo.

Mentana: Voglia di vivere e nulla più

Non lo nomina espressamente ma il sottotesto è che il ministro Speranza è il decisore principale che avalla e sintetizza le scelte degli scienziati. Quindi la pazienza è finita.  D’altronde – specifica infatti Mentana – “il passaggio alle zone gialle non è stato imposto da folle vocianti e irresponsabili, ma dagli scienziati”.  Le persone che sono uscite di casa, per  le strade non sono untori criminali. Avevano semplicemente  “voglia di vivere”, è la chiosa del direttore. Nulla di più.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica

Array ( [0] => ppm-bundle )
Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )