Marzia Fragalá: mio padre Enzo ucciso perché dava fastidio a Cosa Nostra

venerdì 26 Febbraio 16:03 - di Redazione

“Mio padre” Enzo Fragalà “veniva chiamato dai detenuti ‘sbirro‘ perché dava fastidio, c’era malcontento in Cosa nostra. Ed è stato punito con un’aggressione brutale, violenta che lo ha portato alla morte. Ora vogliamo che il cerchio si chiuda, vogliamo tutta la verità sulla sua morte“.

Sono trascorsi undici anni dall’omicidio di Enzo Fragalà, l’ex-deputato di Alleanza Nazionale e noto avvocato penalista palermitano, aggredito a bastonate, il 23 febbraio, sotto al suo studio, di fronte al Tribunale di Palermo, dai killer di Cosa Nostra.

Fragalà rimase per tre giorni in coma profondo. E il 26 febbraio 2010 cessò di vivere all’Ospedale di Palermo dov’era ricoverato.

Oggi, la figlia, Marzia Fragalà, (nella foto quand’era ancora piccola, assieme al padre in montagna) anche lei avvocato, lo ricorda in una intervista all’Adnkronos. E’ appena uscita dalla Chiesa dove con i suoi familiari ha voluto ricordare il padre.

Per i giudici l’omicidio Fragalà fu una “punizione dei boss mafiosi“. Che non perdonavano a Fragalà di aver convinto i suoi assistiti a tradire il patto con Cosa Nostra.

Ci sono voluti dieci anni per arrivare alle condanne di alcuni dei responsabili. E il  23 marzo del 2020 la Corte d’assise di Palermo ha condannato Francesco Arcuri a 24 anni, Antonino Abbate a 30 anni, Salvatore Ingrassia a 22 anni e Antonino Siragusa, che poi ha collaborato con i magistrati, a 14 anni di carcere.

Due le assoluzioni, “per non aver commesso il fatto”, di Paolo Cocco e Francesco Castronovo.

Fa fatica a parlare, Marzia Fragalà. Nonostante siano trascorsi undici anni il dolore è ancora forte.

“Era un padre premuroso, attento, gentile, presente – dice oggi Marzia con un soffio di voce. – Voleva molto bene alla sua famiglia”. E mentre lo dice la figlia di Enzo Fragalà mostra una fotografia in cui lei, ancora piccola, e il padre pattinano sul ghiaccio.

“A Cosa nostra ha dato fastidio che mio padre garantisse la posizione dei suoi assistiti. E se riteneva giusto che il suo cliente collaborasse e parlasse dei fatti, glielo faceva fare, senza esitare. Quindi, in questo modo, andava contro il ‘codice’ di Cosa nostra secondo cui non bisogna mai patteggiare o collaborare“, racconta Marzia Fragalà.

“Il malcontento nell’organizzazione mafiosa è derivato da questo. Infatti non fu più nominato da grossi boss mafiosi ma da gente che non ricopriva ruoli apicali in Cosa nostra“.

Per i giudici che hanno emesso la sentenza, Enzo Fragalà è stato ucciso per la sua “attività professionale”. Le indagini avevano valutato molte piste. Fragalà si occupava di tantissime cose. Era stato in diverse Commissioni parlamentari d’inchiesta, in particolare quelle che si occupavano di stragi, terrorismo e intelligence. Ma, alla fine, gli accertamenti degli investigatori avevano puntato su Cosa Nostra.

“Intento precipuo dell’organizzazione mafiosa Cosa nostra era quello di impartire una punizione al professionista, ‘reo’ di aver assunto posizioni non conformi agli interessi del sodalizio e per ciò appellato quale ‘sbirro‘”, si legge nelle motivazioni.

Insomma, scrivono i giudici, Fragala era “colpevole, dunque, di aver esercitato liberamente il proprio mandato difensivo, senza condizionamenti esterni e secondo i canoni deontologici della propria professione, nell’esclusivo interesse della posizione processuale rappresentata”.

Per la Corte d’assise la “punizione, per le modalità attuative e la notorietà della vittima designata, doveva assumere una evidente valenza simbolica e dimostrativa”. Ed era “rivolta non già al solo professionista, ma anche all’intera avvocatura palermitana“.

Ne è convinta anche la figlia Marzia. “La violenza efferata dell’aggressione – dice – era proprio il simbolo per dare una ‘lezione’, un avvertimento alla classe forense tutta. Più crudeltà e più forza loro dimostravano in questo gesto, più la classe forense si sarebbe piegata. Ma non è accaduto”. L’avvocatura anzi  ha fatto quadrato attorno alla famiglia. E si è costituita parte civile nel processo contro i killer di Cosa Nostra.

Cosa manca oggi di Enzo Fragalà avvocato? “Sicuramente la sua dialettica nelle aule di tribunale – spiega Marzia – il suo modo di esporre le sue cause, questo manca molto”.

”Mio padre – prosegue la figlia di Enzo Fragalà  – era una persona che si faceva voler bene sia dai colleghi che dai magistrati, nonostante avesse tanti scontri. Ma era rispettato”.

Come “padre e uomo” per Marzia Fragalà “manca oggi la sua solarità“.

Mio padre era appassionato della vita, amante dello sport, dei viaggi, era un uomo molto vivo e vivace”.

Per Marzia Fragalà e la sua famiglia “ancora attendiamo tutta la verità” sulla morte del padre.

“Già la sentenza di primo grado è stata un punto importante, il tema del movente su cui non c’è più dubbio che sia stato ucciso per mano mafiosa. Ora vogliamo però che il cerchio si chiuda e che tutti i responsabili vengano presi”.

“Anche il mandante è stato individuato nella sentenza grazie alla collaborazione dei pentiti, aspettiamo questa nuova fase con l’appello”, dice.

Entro l’estate dovrà essere stata fissata l’udienza per il processo di secondo grado. “Però ancora non sappiamo niente”.

“Poi, sono da vedere le posizioni dei due assolti, comunque rimane sempre una sorta di dubbio, perché non vengono esclusi completamente dal momento dell’agguato, ma vengono messi in un momento successivo per fare un sopralluogo, ma la loro posizione ancora non è chiara”.

E sul collaboratore Francesco Chiarello, che secondo i giudici è “inattendibile” con un comportamento “inquietante” ed “allarmante”, visto che ha dimostrato di “saper perfettamente costruire nei minimi particolari un racconto che, per sua stessa ammissione, era tuttavia falso”, la figlia di Enzo Fragalà  dice: “E’ stato comunque utile perché dalle sue dichiarazioni si sono riaperte le indagini in una direzione precisa“.

“Ovviamente la Corte poi ha ritenuto poi che le sue dichiarazioni erano contrastanti. E, poi, c’è stata la ‘confessione’ di Siragusa a cui la Procura ha creduto, ma fino a un certo punto – ricorda Marzia. – Siragusa ha poi confermato tutta la dinamica dell’aggressione e ha parlato del mandante“.

Ma cosa direbbe oggi Enzo Fragalà dell’attuale situazione politica? “Sarei curiosa di saperlo anche io – dice la figlia. – Certo, lui amava la competenza e la preparazione e non avrebbe mai accettato la mancanza di preparazione nell’ambito politico e professionale. Lui era un grande studioso, appassionato della storia”. Poi aggiunge: “Ci manca, e tanto…”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica

Array ( [0] => ppm-bundle )
Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )