Liguori: «I 5stelle hanno riempito di incompetenti il Parlamento, la loro rivoluzione è fallita»

venerdì 5 Febbraio 11:44 - di Gianluca Corrente
Liguori

«Non perdiamo quest’occasione per dire a quanti, un italiano su tre, hanno votato liberamente ma anche inconsciamente per i Cinque Stelle. Quella politica degli incompetenti di cui hanno riempito il Parlamento è fallita. Giovani, per carità, una rivoluzione. Ma è fallita». Ad affermarlo è il direttore di Tgcom24, Paolo Liguori, a Stasera Italia.

Liguori e la scelta di Draghi

«A un passo dal portare i libri dell’Italia al tribunale europeo, abbiamo dovuto chiamare Draghi. Che forse non ne aveva neppure voglia. E che forse pensava che sarebbe stato adatto per il Quirinale», dice. «A questi italiani io dico anche che “uno vale uno” è uno slogan copiato da un periodo che viene prima della Rivoluzione francese». Quando, cioè, «uno valeva meno di zero, meno di un animale. Abbiamo avuto però oltre duecento anni di libertà, di democrazia, da Voltaire in poi».

Non è vero che uno vale uno

«E oggi», incalza Paolo Liguori, «dopo tanti anni e dopo tanta scolarità, noi – che siamo padri e qualche volta nonni – sappiamo che non è vero che “uno vale uno”. Ma secondo voi, Draghi vale Conte? Draghi vale Grillo? No, perché altrimenti avremmo chiamato Grillo e invece ci siamo dovuti appellare a Draghi». «Però voglio dare una piccola indicazione su quello che ha detto De Magistris. Chi guida le istituzioni preferisce avere al centro un governo, non un marasma. Sa infatti che gli sarà data una risposta. Poi potrà contestarla o meno».

Liguori e il governo agonizzante

Il governo già agonizzava già, non è finito per Renzi», aggiunge. «Ma già da ottobre c’erano segnali di una sofferenza». E sul premier incaricato, il direttore di Tgcom24 dice: «Draghi ha salvato noi e l’Europa, è ben visto anche dagli Usa, Chi ha da eccepire su di lui ha bisogno di un trattamento sanitario obbligatorio».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *