«David Rossi ucciso da un albanese e due complici». Sul manager Mps una nuova pista

giovedì 11 Febbraio 13:49 - di Davide Ventola
David Rossi

“David Rossi non si è suicidato”. Questo è quanto emerge da un nuova testimonianza sul caso dell’ex manager di Mps, trovato senza vita al suolo, dopo un volo dalla finestra. Il capo della comunicazione del Monte dei Paschi di Siena era precipitato da una finestra di Rocca Salimbeni il 6 marzo del 2013. Le nuove rivelazioni sulla morte del manager del Monte dei Paschi potrebbero portare alla riapertura di una nuova inchiesta per omicidio. Sarebbe la terza: “Lo ha ucciso un uomo albanese che vive a Milano insieme a due complici”, riferisce un testimone.

“David Rossi ucciso da un albanese”

I dettagli forniti dal testimone sono chiari e tengono viva – si legge sul Fatto Quotidiano – l’ipotesi che si possa trattare di omicidio Il movente potrebbe essere la partecipazione a dei festini gay, che dovevano restare segreti. Un gigolò nei giorni scorsi aveva dichiarato di aver riconosciuto ad uno di questi party hard un carabiniere e due magistrati.

A dicembre, dopo due anni di indagini, la procura di Genova ha chiesto l’archiviazione per l’indagine per abuso d’ufficio nata dopo le dichiarazioni rilasciate dall’ex sindaco di Siena Pierluigi Piccini alla trasmissione Le Iene. L’ex primo cittadino aveva detto di aver saputo di ‘festini’ ai quali avrebbero partecipato importanti personaggi della magistratura e della politica. Aveva ipotizzato che l’inchiesta sulla morte di Rossi fosse naufragata per questo. Dopo la trasmissione di Mediaset, i pm senesi avevano presentato querela per diffamazione per le dichiarazioni di Piccini. Il procuratore aggiunto Vittorio Ranieri Miniati e il sostituto Cristina Camaiori avevano interrogato come persona informata dei fatti l’escort che avrebbe partecipato agli incontri a sfondo sessuale.

La testimone incappucciata delle Iene condannata per diffamazione

Nelle indagini sulla morte di David Rossi, pur “caratterizzate da alcune carenze”, non si riscontrano “gli elementi costitutivi del reato” di abuso d’ufficio, “né, tanto meno, il dolo intenzionale” richiesto dal codice. Per il giudice per le indagini preliminari di Genova- Lo scrive il giudice per le indagini preliminari di Genova, Franca Borzone, motivando la decisione riguardo al procedimento per abuso d’ufficio e favoreggiamento della prostituzione aperto dopo le rivelazioni alle ‘Iene’ dell’ex sindaco di Siena Pierluigi Piccini che “aveva riferito di una storia parallela, mai emersa”, in cui erano coinvolti vari soggetti, compresi “i magistrati senesi”, che avevano partecipato a “festini a base di sesso e cocaina”

Intanto, Giovanna Ricci, una delle testimoni “incappucciate” de Le Iene nel caso David Rossi è stata condannata per diffamazione aggravata. Lo rivela la Gazzetta di Siena. Infatti, il tribunale di Siena con sentenza depositata il 5 febbraio scorso, ha stabilito un risarcimento danni quantificato in 11mila euro. Oltre spese legali ed accessori, per le dichiarazioni nei confronti dell’imprenditore Antonio Degortes e di altri soggetti. Frasi gravemente diffamatorie rese sul profilo Facebook.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica