Suicida per la crisi Covid, l’ultimo biglietto di Umberto Sbrescia: “Lo Stato lasci stare la mia famiglia”

lunedì 11 Gennaio 16:26 - di Luisa Perri
Umberto Sbrescia

Sabato mattina, Umberto Sbrescia aveva aperto regolarmente il suo storico negozio di piazza Garibaldi. A Napoli la sua attività era un punto di riferimento per tutti i fotografi dal 1958. Ma stavolta Umnberto non era rientrato per pranzo. Al telefono era irraggiungibile. Così a casa si sono preoccupati e hanno avvertito la polizia. Che ha trovato il corpo e quel biglietto lasciato a vista, per i suoi parenti e per lo Stato. Sì, proprio quello Stato che lo ha prima tartassato e poi costretto alle chiusure.

Umberto Sbrescia era un punto di riferimento per i fotografi napoletani

Nel biglietto, ai piedi del corpo, c’è un atto d’accusa pesantissimo. Prima l’invito ai parenti a lasciare Napoli. E, poi, come nota il Corriere della Sera, “quasi con ingenuità, l’ingenuità della disperazione” chiede allo Stato di non rivalersi su di loro per ciò che lui ha lasciato in sospeso. Appunto i debiti, spiega. Accumulati sia con il fisco che con interlocutori privati, probabilmente fornitori con i quali aveva preso impegni che poi non avrà potuto onorare. Forse temeva anche lo sblocco delle cartelle esattoriali e l’arrivo di richieste di pagamenti alle quali non avrebbe potuto far fronte. Certamente la sua attività, iniziata con il padre nel 1958, aveva subito gravi danni a causa della pandemia. Nell’ultimo anno, gli incassi erano stati minimi.

Numerosi fotografi napoletani stanno scrivendo in queste ore messaggi di cordoglio. Il videomaker Davide Guida ha dedicato un post su  Facebook particolarmente toccante, che riportiamo integralmente.

“La mia telecamera storica troneggia sul treppiedi che l’amico Umberto Sbrescia, fotografo e videomaker titolare del negozio più importante di Napoli e della Campania, mi vendette spiegandomi con tanta professionalità come gestirlo in modo che durasse il più possibile.
Oggi Umberto non è più con noi, vittima di un malessere imprenditoriale che ci ha colpito negli ultimi mesi, noi tutti vittime di un settore dimenticato come quello della videofotografia, collegato a un altro settore ancora più disastrato, quello dello spettacolo, del teatro, degli eventi pubblici e privati.
Il prossimo cortometraggio da me scritto, che è in fase avanzata di pre-produzione, sarà dedicato alla sua memoria.
Riposa in pace Umberto Sbrescia. Che Dio ti abbia in gloria”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica