Riflettori puntati sul centro. Grandi manovre nell’Udc sotto lo scudo del Ppe. Per salvare Conte

venerdì 15 Gennaio 19:40 - di Eugenio Battisti

Nei giochi di palazzo e i grandi traffici di queste ore i riflettori sono puntati anche sull’Udc. La soglia di salvezza per il premier – secondo alcuni – sarebbe già stata raggiunta. Ma la fibrillazione è alta. C’è anche chi sostiene che lunedì e martedì il voto non sia scontato. Conte potrebbe limitarsi a fare delle comunicazioni in Aula a Montecitorio. Per salire subito al Colle e rassegnare le dimissioni. Con una squadra già definita. Senza andare martedì al Senato.

Fibrillazione sui numeri. Occhi puntati sull’Udc

I numeri sono tutto. E all’appello c’è anche un neo-gruppo centrista ispirato al Ppe. O meglio, che abbia il via libera del Partito popolare europeo. Quindi l’Udc, che al Senato è alleato con Forza Italia. Attualmente sono un gruppo unico. Ma l’Udc, racconta all’Adnkronos chi lavora in prima linea per salvare il Conte bis o inventarsi il Conte ter, potrebbe nei prossimi giorni diventare ‘Ppe-Udc’. In questo caso si staccherebbero dal partito di Silvio Berlusconi per diventare così una nuova costola del nuovo governo Conte.

Maie, Udc-Ppe e Psi è la strada battura per salvare Conte

Una partita che si gioca parallelamente ad altre due. Quella del Maie, che oggi è diventata Maie-Italia23, è quella del Psi. Che ancora ha il simbolo in condominio con Matteo Renzi e Italia Viva. Uno schiaffo all’ex premier.

Il punto di caduta, raccontano, potrebbe essere proprio nel partito di Lorenzo Cesa. Anche se, lui stesso, si è detto fermamente contrario a dare l’appoggio a Conte. Le trattative vanno avanti. Gli innesti verrebbero anche dai renziani di centro. Oltre che da Fi, dalla pattuglia dei cosiddetti fuoriusciti, e dallo stesso Psi. Che potrebbe dunque confluire nel nuovo contenitore centrista per giocare una partita più ampia.

Obiettivo: raggiungere quota 160 con ogni mezzo

L’obiettivo di tanta fatica è raggiungere quota 160, grazie al manipolo che Mattarella ha definito costruttori.  “Non è una mera questione di poltrone – dice chi lavora alle trattative – bisogna dare una connotazione politica alla partita ‘costruttori’. Legittimarla, scrivere un nuovo patto di legislatura che guarderà anche al centro. E sì, certo, rivedere anche la squadra piuttosto che andare ad occupare le caselle rimaste vacanti”. Un passaggio che Conte avrebbe voluto evitare ma che sembrerebbe obbligato.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica