Meloni inchioda il governo su Stellantis: “Abbandona l’economia italiana ai predatori internazionali”

martedì 5 Gennaio 9:41 - di Davide Ventola
Stellantis

“Dalla fusione di FCA e PSA nasce Stellantis, che diventerà il quarto produttore mondiale di automobili. La nuova società sarà controllata da PSA, colosso automobilistico transalpino partecipato direttamente dallo Stato francese. Ai francesi andrà la maggioranza del Board, il Ceo, il vicepresidente e il rappresentante dei sindacati, ovvero il controllo totale della società”. Lo scrive su Fb, Giorgia Meloni sulla nascita del nuovo colosso automobilistico.

Meloni: “Il governo italiano è incapace di difendere i nostri interessi”

“Una trattativa – prosegue la Meloni – durata mesi, dove il grande assente è stato il governo italiano, incapace di difendere gli interessi nazionali e sempre più asservito a quelli stranieri. L’armata Brancaleone che siede abusivamente a Palazzo Chigi continua a fare danni inenarrabili, esponendo il tessuto industriale della Nazione agli assalti della speculazione e dei predatori internazionali. Via subito!”.

I francesi brindano alla fusione

Non a caso, i commenti dei giornali francesi sono entusiastici. Nelle prossime settimane Carlos Tavares, 62 anni, assumerà il controllo di Stellantis, che varrà quasi 200 miliardi di euro di fatturato, 9 milioni di veicoli venduti all’anno e 400.000 dipendenti.

Perché il nome Stellantis

Stellantis è il participio presente del verbo latino “stello “. Può essere tradotto come ” scintillante ” o ” cosparso di stelle “. Stelle che possono essere paragonate ai tanti marchi di proprietà del nuovo gruppo. Le origini latine del nome ” rendono omaggio alla ricca storia delle due società fondatrici “, secondo PSA e FCA. «Non possiamo semplicemente creare un nuovo nome. Un nome è l’incarnazione di una dinamica», Spiega a Le Figaro, Marcel Botton, direttore dell’agenzia Nomen, specializzata in «naming», ovvero creazione di nomi. “Le stelle riflettono una grande ambizione mentre danno qualcosa per sognare “, analizza. Questo nome è stato scelto con l’agenzia di comunicazione Publicis. ” Il processo di creazione del nuovo nome è iniziato poco dopo l’annuncio dell’accordo di fusione ” nel dicembre 2019. “ Ha il merito di non essere geograficamente localizzato. Per un gruppo transnazionale, questo è importante ” , afferma Marcel Botton. “ La fine in ‘è’ è ‘geograficamente neutra. Mentre un nome che finiva in “os”, ad esempio, avrebbe reso sudamericano, in “us”, più Europa orientale o in “E” piuttosto francese “, aggiunge il direttore dell’agenzia Nomen.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica

Array ( [0] => ppm-bundle )
Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )