Galli: «La gente è stanca, non si può più andare avanti con una scarpa e una ciabatta»

sabato 16 Gennaio 20:18 - di Aldo Garcon
Galli

«Sono chiaramente preoccupato» per l’andamento dell’epidemia di Covid-19 in Italia. «Sento che la gente non ne può più e lo capisco molto bene. Ma non si può andare avanti in questo modo». In «una situazione intermedia che forse mia nonna avrebbe definito “una scarpa e una ciabatta”. Credo che delle soluzioni vadano trovate e una possibile potrebbe essere una “dieta drastica”». Una “chiusura importante” modello lockdown nazionale, «se accompagnata però da una serie di altri interventi che facilitino il mantenimento dei risultati: una campagna diagnostica e una campagna vaccinale che siano le più vaste possibili». Lo spiega all’Adnkronos Salute Massimo Galli, infettivologo dell’ospedale Sacco e dell’università degli Studi di Milano.

Galli: «Perplesso sulla gestione nazionale»

Riguardo alle proteste della Lombardia che non ritiene di meritare una nuova zona rossa, secondo l’esperto «il discorso non è di meritarsi o di non meritarsi» una restrizione. «Bensì di valutare con attenzione quelle che sono le problematiche inerenti ulteriori diffusioni dell’infezioni» da coronavirus Sars-CoV-2. «E sulla base di questo non ho elementi per dire che sia sbagliato» ritrovarci “rossi”. «Anche se ammetto che rimango perplesso sulla gestione complessiva del problema a livello nazionale».

Galli: «Servirebbe una chiusura importante»

«Servirebbe una chiusura importante, che però dovrebbe essere misurata rispetto alla possibilità di attuare la campagna di vaccinazione e la campagna di diagnostica più vaste possibili». Ribadisce Galli tornando su quella che ha definito “una personale utopia”. Da un lato, precisa, è necessaria «una strategia che con un ampliamento della diagnostica circoscriva sul nascere eventuali nuovi focolai di diffusione, e comunque aumenti il numero di persone con infezione individuate e quarantenate». Dall’altro lato «la pratica della vaccinazione estensiva potrebbe ulteriormente ridurre la capacità del virus di circolare».

I limiti del vaccino

«Ma è questa seconda e ultima cosa che oggi appare utopica».  Osserva poi  l’infettivologo. «Nel senso che una strategia vaccinale di controllo» dei contagi, «in questo momento è resa problematica. Se non impossibile dall’assenza della disponibilità sufficiente di vaccini. Ed eventualmente anche da qualche incertezza sulla capacità di riuscire davvero a organizzare come si dovrebbe» una campagna veramente efficace. E alla lunga, su tutto il territorio nazionale. Fra l’altro, a complicare ulteriormente le cose, c’è il fatto che in questo momento «noi abbiamo un vaccino che sicuramente non ha una maneggevolezza ottimale».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica

Array ( [0] => ppm-bundle )
Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )