Zona rossa, l’ira di De Luca: “Il governo è fatto di sciacalli, vada a casa”. Da sceriffo a giullare

sabato 14 Novembre 14:24 - di Redazione

Il governatore sceriffo non ci sta. Alla notizia dell’ordinanza del ministro della Salute che istituisce due nuove aree rosse (Campania e Toscana),  Vincenzo De Luca si scatena. ” So che stiamo chiedendo ancora sacrifici, ma non c’è altra strada se vogliamo ridurre il numero dei decessi”, ha scritto Speranza su facebook. Parole inaccettabili per il presidente della Campania. Che si scaglia contro Palazzo Chigi.

De Luca: il governo ha perso due mesi. Deve andare a casa

“Noi eravamo per chiudere tutto ad ottobre, per un mese. Per avere una operazione di fermo del contagio. Che ci avrebbe fatto stare tranquilli a Natale. Da sempre abbiamo avuto una linea di rigore più degli altri, da soli”, dice De Luca in diretta facebook. “Il governo ha fatto un’altra scelta, ha deciso di fare iniziative progressive. Di prendere provvedimenti sminuzzati, facendo la scelta della cosiddetta risposta proporzionale. Più aumenta il  più prendiamo provvedimenti. Una scelta totalmente sbagliata, perché il contagio non aumenta in modo lineare, ma esponenziale”. Il governatore è fuori di sé. E manda in scena l’ennesimo show.  “Questa scelta del governo ha fatto perdere due mesi preziosi”.  La tripartizione dell’Italia decisa da Conte viene definita “scriteriata”.

“La Azzolina dovrebbe chiedermi scusa”

Ancora più duro contro la ministra Azzolina sul terreno minato della scuola. “Hanno deciso che bisognava tenerle aperte. Ricordate le dichiarazioni della Azzolina supportate dal presidente del Consiglio? Ora hanno fatto ciò che noi abbiamo fatto un mese fa e nessuno ha chiesto scusa”. La squadra di Palazzo Chigi è da buttare.  “Fatti salvi 3-4 ministri – dice De Luca – non è un governo. In queste condizioni meglio mandare a casa il governo”.

E ancora: “Se bisogna stare al governo con questi personaggi sarebbe meglio mandarlo a casa. Perché non è tollerabile, ho detto a qualche esponente del Pd, alcun rapporto di collaborazione con ministri come Spadafora. Che ha raccontato bestialità o con il signore di cui ho fatto il nome (Luigi Di Maio).  Che ho sfidato a un dibattitto pubblico già anni fa. Gli rinnovo l’invito in diretta tv sperando che non faccia il coniglio come ha fatto nei 3-4 anni precedenti”.

FdI: fa lo scaricabarile? Dovrebbe fare l’attore

“Fa lo scaricabarile su governo, ma chi ci casca?”. Durissimo il commento di Giorgia Meloni alle parole di De Luca. “Secondo me dovrebbe andare a casa anche lui. Doveva fare l’attore, non il presidente di Regione. Se, mentre montava l’emergenza, avesse impiegato per allestire terapie intensive e posti letto le stesse ore dedicate a ridicoli monologhi su Facebook, forse la Campania sarebbe ora a ben altri livelli sanitari”. Lo sceriffo De Luca, alla fine, si è rivelato un grande giullare. Affetto da schizofrenia. Per settimane ha invocato il lockdown generalizzato e ha  sollecitato zone rosse in tutta Italia. Adesso fa il paladino della libertà.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica