Scuola, dimentica l’astuccio a casa, nessuno gli presta la penna. Per le regole anti-covid

sabato 10 Ottobre 18:38 - di Redazione

Pianeta scuola. Resta tutta la mattina seduto sul banco senza poter scrivere. Cinque ore a guardarsi intorno, con le mani in mano, a osservare i compagni di classe scrivere, disegnare, usare penne e matite colorate. Impotente. Senza poter scrivere e seguire le lezioni. Il malcapitato è un bimbo che frequenta la quinta elementare in una scuola primaria di Sassari. Perché? Lo spiega la Nuova Sardegna dando la notizia.

Scuola, bimbo di 10 anni resta senza penna

Due giorni fa il bambino ha dimenticato l’astuccio a casa. Arrivato in classe si è accorto della mancanza delle penne. Ma nessuno lo ha “soccorso”. Colpa del regolamento scolastico anti covid che vieta lo scambio di materiale didattico tra studenti (ma anche tra alunni e docenti). Così senza penne ha trascorso l’intera mattinata senza fare nulla. Il racconto dell’episodio si è diffuso in un tam tam suscitando un vespaio di polemiche.

Il regolamento anti-covid  vieta lo scambio di materiale

Incredule le famiglie della scuola del ragazzino e di altre cittadine sarde. Moltissimi hanno “condannato” l’insegnante e l’eccessiva rigidità nell’applicazione del regolamento anti-covid stabilito dal ministero. Altri hanno perdonato il rigore del docente. “Ha fatto bene. Che poteva fare? Le regole non le ha fatte la docente e non poteva che farle rispettare”.

 Il regolamento parla chiaro: «Lo zaino deve essere accuratamente controllato e ripulito ogni giorno. E provvisto di tutto l’occorrente in quanto non ci potranno essere scambi di materiale».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Piero 12 Ottobre 2020

    Capito perché l Europa ci considera dei pedalini?

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica