“Il Covid non esiste”. Ma l’influencer negazionista si ammala, si pente e poi muore di coronavirus

domenica 18 Ottobre 19:01 - di Redazione

Dalla campagna “negazionista” sul Covid, alla malattia, poi il pentimento, il “mea culpa”, fino alla morte. Per colpa di quel maledetto Covid di cui aveva negato l’esistenza alle sue migliaia di follower sui social, prima di restarne infettato.

Dimitriy Stuzhuk, influencer ucraino, esperto di fitness e promotore di una vita salutista, in poche settimana è passato dalla campagna di disinformazione al letto di ospedale: si era ammalato durante un viaggio in Turchia ed era stato ricoverato in ospedale al suo ritorno in Ucraina, dopo essere risultato positivo. E’ poi morto per complicazioni cardiache legate al coronavirus, a soli 33 anni.

L’influencer che negava il Covid si è poi pentito così

“Come tutti sapete dalle mie stories, ho il Covid. Oggi, tornando a casa, per la prima volta c’era l’entusiasmo di scrivere almeno qualcosa. Voglio condividere come mi sono ammalato e mettere in guardia tutti in modo convincente: ho anche pensato che non esistesse il covid, ed è tutto relativo. Fino a quando non mi sono ammalato. COVID-19 LA MALATTIA NON E’ UNA COSA DA POCO! E’ pesante”, aveva scritto sui social solo qualche giorno fa. La sua ex moglie ha confermato che fosse “in gravi condizioni” e che il “suo cuore non ce la faceva”. I due si erano separati sei mesi fa, dopo aver avuto tre figli.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica