Meloni: «Gli immigrati fanno quello che vogliono, gli italiani inseguiti con i droni. Vergogna» (video)

martedì 1 settembre 18:25 - di Adriana De Conto
Meloni

“In questi mesi migliaia  di immigrati sono arrivati nel nostro territorio violando i confini e violando la quarantena, perché positivi al Covid. Ma per loro non ci sono i droni che rincorrevano gli italiani sulle spiagge, per loro non si trovano. La furia immigrazionista della sinistra non chiede a queste persone di rispettare i sacrifici fatti durante il lockdown”. E’ un passaggio – molto applaudito – del discorso di  Giorgia Meloni a Trento, durante una affollata manifestazione trasmessa via Facebook dalla pagina ufficiale della leader dei FdI.  “Ho voluto fortemente essere qui con voi”, ha detto Giorgia Meloni, primo leader nazionale del centrodestra ad essere presente in campagna elettorale a Trento. Per evidenziare la grande importanza che Fratelli d’Italia attribuisce alla sfida per il cambiamento e il buon governo nella città e in tutto il Trentino. Surreale che con i droni si siano spiati “i furbetti” della passeggiata sulle spiagge italiane nei mesi che hanno preceduto le riaperture. E ora lo stesso criterio non si usi con i migranti che fuggono dagli hot spot e dalla quarantena. Tanto accanimento a ritmo alternato.

Anche per questo queste Regionali dovranno segnare una svolta. A Trento in tanti hanno accettato di scendere in campo nelle liste di Fratelli d’Italia: artigiani, commercianti, imprenditori, impiegati, operai, agricoltori, in gran parte alla prima esperienza politica: le sfide sono quelle sui  grandi temi. Sicurezza, solidarietà, sviluppo, difesa dei confini, scuola.  La leader di FdI ha parlato ai cittadini di Trento – qualche ora prima a Bolzano – specificando che è giunto il momento di  portare idee nuove non solo nella città ma su tutto il territorio nazionale.

Meloni: “La furia immigrazionista del governo è al delirio”

Sviluppo, famiglia, natalità, sicurezza. Sui grandi tempi  FdI ha portato idee, proposte. Il governo le ha sistematicamente ignorate. “Pensate che in pieno lockdown, mentre noi portavamo le nostre proposte, la sinistra si preoccupava della liberalizzazione delle droghe leggere”, ha scandito la Meloni. Per rendere evidente lo scollamento ormai sostanziale dalle priorità di un Paese in emergenza. Trento è un buon test, sotto questo punto di vista, massacrata dalla burocrazia, che ne impedisce un rilancio turistico e non solo. “Diamo un’alternativa”, dice al pubblico la Meloni, che ribatte su uno dei punti che sta particolarmente a cuore a FdI, la natalità. Se le famiglie non sono più libere di fare figli per paura della crisi economica “la nostra civiltà non reggerà”. E le cose da fare in proposito sarebbero molte e realizzabili.

Fratelli d’Italia da sempre ha intercettato esigenze e temi che la sinistra ha dimenticato. Con coerenza. In conclusione arriva la stoccata alla “furia immigrazionista delirante della sinistra”. Sotto gli occhi di tutti sono queste giornate surreali: con una nave ong carica di migranti, molti dei quali infetti, in arrivo a Palermo; con migranti in fuga dalla quarantena, in giro per l’Italia, che fanno perdere le loro tracce. Delirante. “Riteniamo che questo governo irresponsabile si assuma le proprie responsabilità. La proposta di una missione europea con il blocca navale era la proposta più sensata”, ribadisce la leader di  FdI. “In queste stesse ore, la Gb impegna la marina militare per fermare l’immigrazione ai confini. E noi?  Abbiamo rincorso la gente sulle spiagge per il rischio contagio. E se i clandestini violano confini e quarantene, i droni spariscono. Non è surreale?”.

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica