La Meloni in Liguria: “Siamo gli unici coerenti e monogami. Il 20 e il 21 settembre metteteci alla prova” (video)

venerdì 4 settembre 19:45 - di Redazione

Savona, Imperia,  Sanremo. L’entusiasmo per la visita in Liguria di Giorgia Meloni è palpabile. Applausi, selfie, strette di mano. Perfino una foto immortalata davanti a un gustoso risotto tricolore a Imperia. Nel suo tour elettorale in Riviera a sostegno dei candidati di Fratelli d’Italia al fianco di Giovanni Toti, ricostruisce le tappe del lungo lavoro svolto in questi anni. Costanza, coerenza e passione. All’insegna di una politica come missione al servizio del popolo.

La Meloni in Liguria: oggi raccogliamo i frutti del nostro lavoro

“Non mi sono mai fermata e oggi raccogliamo i frutti. Noi di Fratelli d’Italia abbiamo la fissazione della monogamia e della coerenza”, dice animando la platea sotto il sole. “Chiediamo a Savona, e alla Liguria, di darci la possibilità di dimostrare che siamo persone serie. Voi invece, il 20 e il 21 settembre, avete la possibilità di dire ai vari Conte, Zingaretti e Di Maio, cosa ne pensate di loro”. Poi ringrazia la “straordinaria” classe dirigente e i candidati in lista. “Candidati veri, scelti per la loro competenza e presenza sul territorio. Non spuntati dalla piattaforma Rousseau”.

L’appello al voto per gli italiani

“Non dovete votarci per me o per i candidati, ma per i cittadini. Per gli italiani che non vogliono una politica che si svende al primo offerente e che mantiene gli impegni presi”. Poi l’attacco ad alzo zero al governo giallorosso. “Qua ora è normale che prima vi dicono che andranno in Parlamento per cacciare il Pd e poi ci si alleano insieme. Questa non è democrazia, questo si chiama fregare la gente”. E ancora: “I padri costituenti potevano scriverlo meglio, certo, ma che ne sapevano che poteva arrivare un tipo che si chiama Giuseppe Conte che lunedì fa il governo con Salvini e il martedì lo fa con la Boldrini. Vi assicuro che si può fare politica mantenendo le mani completamente pulite. Anche se le scarpe sono piene di fango. Perché non si ha paura di andare da nessuna parte”.

“Toti potrà fare ancora meglio se FdI sarà più forte”

Infine rivendica l’ottima amministrazione del centrodestra in Liguria. “Credo nel lavoro fatto con Giovanni Toti in questi cinque anni. E credo che potrà fare ancora meglio, nei prossimi cinque, se Fratelli d’Italia sarà più forte”. Il buon governo dei fatti. “Con il ponte di Genova – dice ancora la leader di FdI –  abbiamo dimostrato che la burocrazia si può combattere in modo veloce e efficace. Ieri il ministro De Micheli ha detto che è stata istituita una commissione. Per capire come passare da una parte all’altra dello Stretto di Messina. Con un ponte? No con una ciclabile… E ci voleva una commissione?”.

Dando uno sguardo alle prossime regionali le chance di vittoria sono altissime. “Non tira una bella aria nel Pd”, dice sorridendo la Meloni. “De Luca è l’unico presidente uscente, della sinistra, che potrebbe riconfermarsi. Ma solo perché ogni giorno insulta il suo partito”. Da Sanremo poi rilancia una delle proposte storiche di Fratelli d’Italia. “Istituire il ministero del Mare. Perché è la più grande infrastruttura esistente. Da sfruttare per rilanciare l’economia”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica