La Maglie asfalta Alessia Morani in tv: De Luca e referendum vittorie del Pd? Ma non scherziamo… (video)

martedì 22 Settembre 18:29 - di Giulia Melodia
La Maglie asfalta la Morani frame da video su Twitter

Maria Giovanna Maglie asfalta la Morani in tv. La giornalista proprio non ci sta a equiparare zuppa e pan bagnato. O meglio: non ha nessuna intenzione di assecondare gli intenti sibillini dei dem, che da ieri tentano ininterrottamente di far passare – sibillinamente – il messaggio erroneo secondo cui il Pd uscirebbe vittorioso dalle urne, specialmente in virtù dei risultati conseguiti in Toscana e Puglia. Per non parlare dell’esito del referendum… Così, già ieri sera, chiamata a commentare a caldo le proiezioni dell’ultima tornata elettorale referendaria e regionale, la Maglie ha ostinatamente messo i puntini sulle “i”. Naturalmente, con la fermezza e l’attendibilità di sempre.

La Maglie asfalta la Morani in tv

E così, ospite dell’edizione speciale del Tg4, tutta dedicata al referendum e alle Regionali, la giornalista prende subito il toro per le corna. Le dichiarazioni di Zingaretti che urla al capolavoro dopo aver … proprio non le vanno giù. E quando anche Alessia Morani: interviene rivendicando entusiasta il verdetto elettorale al quesito referendario, la Maglie sbotta. E puntualizza: «Lei rivendica il sì al taglio dei parlamentari, ma vorrei ricordarle che il 55 per cento degli elettori del Pd ha votato per il “no”. A differenza del centrodestra». Insomma basta, tuona ancora a stretto giro la Maglie: «Bisogna chiamare le cose con il loro nome».

«Ho appena sentito Alessia Morani rivendicare intanto il si»? Apriti cielo…

E ancora. Rivolgendosi a Giuseppe Brindisi, cicerone di turno, ma riferendosi ovviamente al Pd e alla Morani, la Maglie in collegamento con lo studio di Rete4 spiega: «Sapete quella del Pd che vittoria è? L’affermazione della falsa informazione. Delle fake news, delle bufale, che però, purtroppo, sono diventate – e lo dico auto-criticamente e dolorosamente –  l’essenza del nostro modo di comunicare tutti i giorni». Quindi, la conversazione si sposta direttamente sulla esponente dem a sua volta in collegamento. A lei la Maglie dice chiaramente: «Ho appena sentito Alessia Morani rivendicare intanto il si. Le vorrei comunicare che in base alle scomposizioni del voto appena rese noto, nel Partito democratico il 55% degli elettori si è espresso per il no. A differenza del centrodestra dove il 70-80% degli elettori, distinguendo per partiti, ha votato per il si».

Il punto su una informazione drogata, artefatta

Quindi, l’inciso dovuto: non lo dico perché sono entusiasta del risultato del referendum. Io ho votato no e ritengo una barbarie questo referendum: affinché sia chiaro quello che voglio dire. Ma è evidente che il si non l’hanno vinto né i 5 stelle, che sono i promotori di questa iniziativa anti-casta. Nè lo ha vinto il Pd: il cui gruppo dirigente era per il no. È colpa di una campagna elettorale gasata e artefatta se oggi si incappa in questo equivoco. Un errore in cui sono caduti i politici stessi». Ma la giornalista non è ancora doma. Non vuole certo che, in sua presenza, passino lucciole per lanterne…

E quando si parla di De Luca e centrosinistra…

E così, scivola sinuosamente su un altro argomento: l’affermazione di Vincenzo De Luca in Campania. Come si fa a far passare la vittoria del governatore uscente in Campania come un successo del centrosinistra, quando il suo protagonista – assieme alle sue 15 liste – ha passato un’intera campagna elettorale a parlare male del Pd e dei 5 stelle». Insomma, il messaggio è netto e chiaro: basta drogare l’informazione. La Morani, atterrita e ammutolita, non può che tacere. E acconsentire?

Maglie asfalta la Morani (Pd ) 🚀 N1#ElezioniRegionali2020 #Referendum #Zaia #Emiliano #EXITPOLL #Maglie @mgmaglie pic.twitter.com/6QiiKkgO2x

— Davide Scifo 🌀 (@strange_days_82) September 21, 2020

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica