Vanno al ristorante cinese e lasciano un biglietto: «Gente di m***, ci avete portato il Covid»

venerdì 28 agosto 11:35 - di Redazione
Ristorante cinese

Un gruppo di ragazzi ha mangiato al ristorante cinese con la formula “All you can eat” per un conto da 180 euro. Ma, al momento di pagare, i sette ragazzi sono scappati dal ristorante cinese-giapponese “Majide” di Ciriè, Comune di 18mila abitanti in provincia di Torino. A raccontare la vicenda è La Stampa. I giovani prima di fuggire di corsa senza pagare in mezzo agli altri clienti hanno lasciato sul tavolo un biglietto scritto a mano sul foglio di un block notes. «La pu***** di tua mamma, cinesi di m**** ci avete portato in Covid».

Ristorante cinese, la vicenda

Il fatto è avvenuto martedì sera. Subito è scatta una denuncia contro i sette ragazzi da parte del proprietario del locale. Il ristoratore si è presentato dai carabinieri di Ciriè e ha raccontato l’accaduto che “suona come un’offesa a tutta la comunità cinese”, scrive la Stampa. Il proprietario del ristorante ha poi detto ai carabinieri che quel gruppo di giovani non aveva mai frequentato prima il locale. Si spera per le indagini in un aiuto che potrebbe arrivare dalle telecamere che sorvegliano la zona.

La formula “All you can eat

Ecco come funziona la formula del “All you can eat’. Si può mangiare quanto si vuole con un costo fisso. Alcuni esercizi commerciali sono specializzati in un servizio a buffet e offrono solitamente un menù a prezzo fisso secondo la formula “a volontà”. Difficile resistere, almeno una volta nella vita, alla tentazione degli “All you can eat”. Una formula che è nata in America, più precisamente nei grandi casinò di Las Vegas. Lì  a mezzanotte esatta offrivano alla clientela buffet faraonici. Dagli States la formula si è diffusa in tutto il mondo ed è molto apprezzata dai giovani o dalle famiglie. È una sorta di buffet utile quando bisogna servire un gran numero di persone tutte assieme.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica