Scuola, il governo alle comiche finali: Arcuri scelto per far tornare gli studenti in aula a settembre

7 Lug 2020 17:45 - di Viola Longo
arcuri commissario

Non bastava quanto combinato finora. Il governo vuole affidare a Domenico Arcuri, contestatissimo commissario per l’emergenza Covid, anche il compito di far ripartire la scuola a settembre. La trovata è contenuta nella bozza del dl Semplificazioni e, appena emersa, ha suscitato fortissime critiche. ”Ha fallito sulle mascherine (che molti stanno ancora aspettando) e per premio il governo lo manda ad occuparsi delle scuole dei nostri figli: ma basta!”, è stato il commento del  leader della Lega Matteo Salvini.

Tutti i poter del super commissario Arcuri

Secondo quanto previsto dal dl Semplificazioni, Arcuri “fino alla scadenza del predetto stato di emergenza” dovrebbe procedere “nell’ambito dei poteri conferitigli e con le modalità previste dalla suddetta norma, all’acquisizione e distribuzione delle apparecchiature e dei dispositivi di protezione individuale, nonché di ogni necessario bene strumentale, compresi gli arredi scolastici, utile a garantire l’ordinato avvio dell’anno scolastico 2020-2021, nonché a contenere e contrastare l’eventuale emergenza nelle istituzioni scolastiche statali”. Insomma, la ripartenza a settembre è affidata a lui, che – tra l’altro – avrà in mano anche la gestione dei contratti pubblici.

FdI raccoglie l’allarme dei presidi

Proprio oggi i presidi hanno lanciato un nuovo allarme sui ritardi e sulle incertezze in vista di settembre, a partire dalla mancanza di aule. Con la prospettiva concreta, inoltre, che molti di loro preferiscano tornare a fare gli insegnanti. Quell’allarme, come i precedenti, ha trovato ascolto in FdI. “Il governo li ascolti”, hanno detto le deputate Ella Bucalo e Paola Frassinetti. “FdI – hanno spiegato – sostiene la presa di posizione dei dirigenti che hanno denunciato l’assenza di oltre 40mila classi, con circa 1 milione e 200mila studenti che saranno obbligati a seguire le lezioni in esterna. Palestre, teatri, cinema o all’aperto, sono barzellette scadute: la verità che a viale Trastevere l’immobilismo e l’incertezza regnano sovrani”. “Continuano gli slogan su arredi moderni in arrivo nelle scuole, ma la realtà è ben diversa da quella che viene raccontata”, hanno concluso Bucalo e Frassinetti, quando ancora non era stato scoperto che la realtà sarebbe andata perfino oltre la più perversa fantasia.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA