Prostituta positiva, il sindaco di Modica: fate il test, a costo di farvi cacciare dalle mogli

sabato 18 luglio 17:14 - di Redazione

Una donna di origine peruviana, escort, ha accusato i sintomi del Covid con febbre alta e si trova ora in ospedale a Foligno, nel perugino. Ha soggiornato per 15 giorni a Modica, nel ragusano. Qui aveva preso in affitto un miniappartamento per esercitare la sua ‘professione‘ ricevendo diversi clienti su appuntamento.

Successivamente la donna si è trasferita in Umbria, dopo aver preso l’autobus per Catania ed il treno fino a Foligno, dove si è sentita male. L’azienda sanitaria provinciale avverte che se qualcuno a Modica “avesse il sospetto di essere venuto a contatto con la donna è obbligato a segnalarlo all’Asp di Ragusa per essere sottoposto a tutti gli accertamenti del caso al fine di evitare ulteriori e potenziali contagi”. Ma il tracciamento dei contatti è molto difficoltoso. Il proprietario del locale dove la donna ha soggiornato, intanto, è stato invitato a eseguire un’accurata sanificazione.

Il sindaco di Modica Ignazio Abate è preoccupato: “Due o tre clienti al giorno per 10 giorni fanno 20-25 venti persone che possono aver contratto il virus e averne contagiate altre a casa o al bar. Il mio appello è rivolto a chi ha avuto rapporti con quella donna: andate a fare i test. Anche a costo di essere messi alla porta dalle mogli”. Nel frattempo il sindaco – secondo Day Ragusa – sta provando ad intercettare alcuni avventori direttamente all’ingresso della casa luogo degli incontri, grazie agli appostamenti di alcune unità di vigili urbani.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica