A Roma l’ultimo saluto a Giulio Maceratini. Tricolori, commozione e il rito del Presente

lunedì 27 luglio 19:05 - di Redazione

L’ultimo saluto a Giulio Maceratini, storico protagonista della Destra italiana, nella chiesa gremita di San Francesco a Ripa a Roma, ha visto insieme numerosi esponenti della politica di ieri e di oggi, militanti e quanti lo hanno conosciuto nel corso della sua lunga carriera politica e della sua vita.

Al funerale dello storico esponente del Msi e di An, morto l’altro ieri all’età di 82 anni, erano presenti testimoni di un uomo giudicato trasversalmente del dialogo e del confronto. A onorare la memoria dell’ex capogruppo An al Senato, in prima fila, in chiesa, oltre ai familiari di Maceratini, il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri e il senatore di Fdi Adolfo Urso.

Un uomo di destra coerente e rigoroso

Tra le prime file, anche il senatore Pier Ferdinando Casini, che ha definito Maceratini un “uomo di destra coerente e rigoroso, ma capace di slanci di grande calore ed umanità”. E l’ex sindaco di Roma Gianni Alemanno, militante sin da giovanissimo nelle organizzazioni giovanili del Msi, il senatore della Lega (ed ex An) Claudio Barbaro. E ancora, tra i banchi di San Francesco a Ripa, Giuliana de’ Medici, figlia di Giorgio Almirante, storico segretario del Movimento sociale italiano.

Giulio Maceratini era un uomo di grande fede, ha ricordato il sacerdote che ha officiato l’omelia, “una fede dove ha associato l’esperienza di vita cristiana all’impegno politico. Come diceva Paolo VI, ha ricordato il sacerdote – la politica è la forma più alta di carità. Giulio Maceratini ha fatto di tutto perché la sua vita fosse spesa bene, al servizio della società”.

Il Presente di giovani e vecchi militanti

Al termine dei funerali, nella piazza di San Francesco a Ripa tra i rioni di Trastevere non ci sono solo protagonisti storici della politica ma almeno un centinaio di militanti e simpatizzanti. A dare l’addio a uno dei punti di riferimento della Destra italiana, molti giovani schierati ad attendere il feretro con un lungo striscione con su scritto ‘Colle Oppio’ sulla bandiera italiana. E ancora un altro picchetto con altre bandiere, e una grande corona di fiori bianchi rossi e verdi. L’ultimo saluto a Giulio Maceratini è stato accompagnato dal “presente” di giovani e vecchi militanti.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica