Mussolini a Ballando. Odio social sulla nipote del Duce: sparatele ai piedi per farla ballare…

sabato 27 giugno 17:25 - di Redazione
Alessandra Mussolini

Alessandra Mussolini nel cast di “Ballando con le stelle”. Lo show condotto da Milly Carlucci su Raiuno. Un annuncio che ha già fatto uscire allo scoperto Selvaggia Lucarelli che così commenta: “Ci sarà la Mussolini a Ballando. Pensavo di farla nera, ma direi che è già a posto così”.

I commenti sui social

L’accoglienza social all’annuncio rispolvera i triti e ritriti luoghi comuni dell’antifascismo militante. Così si esprime un utente: “Dice che per ballare meglio la Mussolini si farà smitragliare ripetutamente vicino ai piedi”. E un altro: “Curiosissimo di vederla fare la verticale”. C’è poi chi si augura addirittura l’esilio per la nipote del Duce. “In un altro paese la #Mussolini sarebbe dovuta andare via. In Italia partecipa a #BallandoConLeStelle. Che vergogna”. E ancora chi giudica inopportuna la partecipazione a una trasmissione Rai per via del cognome. “La #Mussolini non è solo nipote dell’uomo che distrusse l’Italia, è una parlamentare che non ha mai rinnegato le scelte del nonno e spesso le ha addirittura difese. La RAI è servizio pubblico, non può avere tra i suoi ospiti una persona che nel suo essere è apologia del fascismo”. In molti se la prendono con la Rai: “Mi chiedo in quale altro paese occidentale sarebbe accettato invitare ad uno show di prima serata una persona che ha basato tutta la sua carriera sulla rievocazione del fascismo e sulla sua parentela con un dittatore sanguinario”. 

Commenti che non sono solo frutto di odio ma anche di incompetenza sui meccanismi degli show televisivi. La Mussolini porta con sé dibattito e dunque visibilità. Sul suo cognome la trasmissione di Milly Carlucci costruisce audience e interesse, al di là dei pro e dei contro. Del resto questi antifascisti da tastiera non imparano mai la lezione: non ricordano già più che qualcuno utilizzando il Duce in copertina ha vinto un premio Strega?

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Giuseppe Forconi 29 giugno 2020

    Questa incredibile generazione di sinistri che continua a denigrare chi porta un cognome che a loro da fastidio. Questa selvaggia lucarelli che si e no non arriva a 40 anni cosa ha da dire contro chi porta il cognome Mussolini ? Ha forse conoscenza personale di cose occorse nel 1920? Sarebbe piu’ comprensibile che tacesse e si limitasse ai suoi show e lasciasse perdere a cose che non la riguardano

  • lamberto lari 29 giugno 2020

    Ma tutti sti antifascisti….per favore non ne possiamo più di queste posizioni ideologiche da parte di chi il fascismo non lo ha vissuto e non lo conosce perché non l’ha mai nemmeno studiato sui libri, ne parla solo per sentito dire con tutte le storture e le false verità che ne derivano. Cose brutte ce ne sono state ma anche cose belle…la pensione?? la reversibilità della pensione? l’assistenza sanitaria?? ci si dimentica di tutte queste cose come del resto ci si dimentica delle infrastrutture che sono ancora integre e non crollano come altre analoghe risalenti a tempi in cui il fascismo non esisteva più, le varie bonifiche di zone paludose dove morivano centinaia e centinaia di persone…le più umili naturalmente! perché dobbiamo enfatizzare solo le negatività di un periodo che il popolo italiano ha fermamente e fortemente voluto….con tanti errori poi commessi! Ecco questa è la riflessione a cui invito pacatamente chi come la Sig.a Lucarelli esce allo scoperto. Da tempo è uscita allo scoperto la signora, ma il livore da frustrata repressa che manifesta e che trasmette mi fa pena! Vive e vuol far vivere una realtà virtuale, ma le persone sanno e percepiscono quale è la realtà e quale l’illusione…per fortuna o per coscienza o per obiettività, elementi che mancano totalmente in persone come lei…purtroppo la rovina di un paese come l’Italia!!!

  • sergio la terza 28 giugno 2020

    La Lucarelli oltre che di nome seivaggia lo è di fatto!non continui a rompere le palle.

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica