M5S, i big firmano l’armistizio a cena mangiando tranci di pizza: «Non facciamoci del male»

venerdì 19 giugno 10:21 - di Liliana Giobbi
M5S

Metti una sera a cena a via Arenula lo stato maggiore del M5S. Per una notte i big pentastellati si radunano attorno a un tavolo. Provano a dipanare quel grande groviglio che è diventato il Movimento, tra lotte intestine per la leadership e divisioni su dossier scottanti. Trippe le note dolenti, a partire dal Mes, che da tempo fa tribolare la maggioranza.

M5S, la riunione del gotha grillino

Come raccontato da Repubblica, si è tenuta una riunione del gotha grillino al ministero della Giustizia. Tra i presenti, oltre al Guardasigilli “padrone di casa” Alfonso Bonafede, c’erano Vito Crimi, Luigi Di Maio, Paola Taverna, Stefano Buffagni. In più lui, Alessandro Di Battista, l’ex deputato che chiede a gran voce un congresso per rilanciare il progetto pentastellato. Con un possibile, futuro obiettivo: la guida del Movimento, che passa per l’elezione online sulla piattaforma Rousseau.

Il patto di desistenza

Tra un trancio di pizza e l’altro, raccontano fonti grilline, i vertici del M5S hanno siglato la tregua. Un patto di desistenza o “armistizio”, come sintetizza un big 5 Stelle, che potrebbe segnare l’inizio di una nuova fase, meno litigiosa, per la creatura fondata da Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio. Del resto il reggente del Movimento Crimi ha spiegato chiaramente che un congresso in questo momento «sarebbe fuori luogo e incomprensibile». Il dibattito interno sulla struttura e sulle future regole da darsi è rimandato «più avanti».

«Uniti e responsabili»

«Tutti», ha sottolineato il viceministro dell’Interno, «condividiamo la necessità di essere uniti e responsabili in questo momento». Compreso Di Battista, che Crimi definisce «una risorsa preziosa che ha dato tanto e ancora tanto può dare al nostro percorso comune».

Le tappe del M5S

La road map M5S prevede quindi sì gli Stati generali – slittati a causa dell’emergenza Covid – ma solo dopo le elezioni regionali di settembre. E non è escluso che un team ad hoc venga incaricato di occuparsi della definizione del percorso che porterà all’appuntamento congressuale. «Credo che gli Stati generali avranno bisogno di un lavoro istruttorio», ha infatti detto al Fatto quotidiano Di Maio.

La strategia di Grillo

Ad avere l’ultima parola è il garante Grillo, che domenica scorsa ha gelato Di Battista via Twitter sulla richiesta di convocare subito il congresso. Il cofondatore del M5S – raccontano – è in costante contatto con pezzi da novanta della sinistra e del Partito democratico. «Il suo disegno è chiaro: proverà fino alla fine a blindare l’esecutivo giallorosso di Giuseppe Conte e, ogni volta che sarà necessario, farà sentire la sua voce», confida un pentastellato.

Il ruolo di Davide Casaleggio

Sullo sfondo, il ruolo di Davide Casaleggio e il futuro dell’Associazione Rousseau, che molti parlamentari vorrebbero ridimensionare, sganciando i destini della piattaforma da quelli del Movimento. L’imprenditore avrebbe preferito una votazione online in tempi brevi per dare al M5S una leadership solida.

M5S, Di Battista in pole position

Per ora Di Battista resta il candidato più forte alla luce del grande consenso di cui l’ex deputato romano gode presso la base grillina sul web. Ma nel M5S si alza il coro di chi chiede di archiviare l’era del capo politico solo al comando. «Se ora lo nominassimo – ha sentenziato Di Maio – sarebbe un capo balneare, perché durerebbe poco. Prima dobbiamo fissare il programma che serve al Paese e risolvere i problemi del M5S. Poi si potrà pensare alla struttura».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica