«Crimi e Zingaretti hanno stufato». Il direttore del “Sole 24 Ore” li distrugge (video)

mercoledì 10 giugno 15:48 - di Sara Gentile
Crimi

A Stasera Italia su Retequattro si parla di governo e misure economiche e Mes. La conduttrice spiega che, Vito Crimi, il capo politico dei 5S è tornato a parlare del Mes ribadendo che è uno strumento  inadeguato e che questo è il motivo per cui il Movimento punta sul Recovery Fund.  Parole che fanno spazientire il direttore del Sole 24 Ore, Fabio Tamburini: «Francamente sono un po’ annoiato perché con questa storia del Mes la gente ne ha veramente le scatole piene. Si chiariscano le idee. Non è che Zingaretti e Crimi fanno parte uno dell’opposizione e l’altro del governo. Sono entrambi nella stessa maggioranza. E allora basta litigare. Si chiudano in una stanza, parlano tutta la notte e il giorno dopo dicono cosa hanno deciso. Francamente non si può andare avanti così. E poi ci si domanda perché la pancia degli imprenditori  ma anche quella del Paese ne ha le scatole piene. Questo è un balletto indegno. Prima di tutto devono chiarirsi le idee e poi spiegarle. Basta prima dire una cosa e poi il giorno dopo dirne un’altra…». (GUARDA VIDEO)

 Cosa ha detto Crimi

Ecco cosa ha detto il capo politico del Movimento Cinque Stelle, Vito Crimi. «Sul Mes abbiamo detto chiaramente la nostra posizione e continuiamo a ribadirla. Il Mes – ha ribadito – è uno strumento inadeguato. È il motivo per cui abbiamo puntato su altro, sul Recovery Fund, che è un fondo che ha la possibilità di essere a fondo perduto. Voglio ricordare a tutti, perché qualcuno lo dimentica: il Mes è un debito». E lo faremo, ha sottolineato ancora, «con un organismo, il Mes, che ci pone delle condizionalità macro economiche. E non ci sono margini per dire che non ci sono condizionalità o che sono ridotte. Quando si modificherà il trattato, e allora sarà davvero senza condizionalità, ne riparleremo».

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica