Violenza al supermercato: immigrato quarantenne molesta una ragazza tra le corsie

lunedì 4 maggio 8:35 - di Paolo Sturaro
supermercato

Violenza tra le corsie di un supermercato a Mantova. In manette finisce un immigrato 40enne, che deve rispondere all’accusa di aver molestato  una ragazza ventiquattrenne. Quando la polizia è arrivata dopo una segnalazione, il cittadino indiano era ancora presente all’interno del punto vendita.

La ragazza stava facendo la spesa al supermercato

Le forze dell’ordine hanno ricostruito la vicenda. La ragazza era intenta a fare la spesa quando ha capito di essere stata presa di mira da un individuo. L’immigrato, infatti, le aveva rivolto in modo anomalo apprezzamenti impropri. Poi aveva iniziato a seguirla insistentemente tra le corsie del supermercato. Approfittando dell’assenza di altre persone, l’uomo aveva afferrato la ragazza per un braccio, costringendola a divincolarsi a fatica e a cercare aiuto.

Urla disperate per attirare l’attenzione della gente

In poco tempo il 40enne  l’ha raggiunta mettendole le mani nelle parti intime. La ragazza, sotto choc per quanto stava accadendo nel supermercato, ha iniziato a urlare disperatamente per attirare l’attenzione delle persone presenti. Poi ha colpito al petto il molestatore. Dopo essere  riuscita ancora una volta a divincolarsi, ha riferito l’accaduto agli addetti alle vendite, che hanno allertato la sala operativa della questura.

Gli agenti intervengono nel supermercato 

Gli agenti, giunti al supermercato, hanno fermato l’indiziato e hanno ascoltato i testimoni, che hanno confermato nel dettaglio quanto era accaduto. Dopo la formalizzazione della querela da parte della vittima, la questura di  Mantova ha denunciato alla competente autorità giudiziaria il 40enne,  residente a Gonzaga ma domiciliato presso il dormitorio cittadino.

L’immigrato sarà espulso dal territorio nazionale

L’uomo è pregiudicato per ubriachezza molesta e per inosservanza dei provvedimenti dell’autorità. Su disposizione del questore della Provincia di Mantova, l’ufficio immigrazione della questura ha inoltre dato inizio alla procedura per la revoca del permesso di soggiorno e di conseguenza, alla sua espulsione dal territorio nazionale.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • federico 4 maggio 2020

    Gli italiani agli arresti domiciliari, gli immigrati fanno tutto quello che vogliono, come sempre al di sopra della legge. E Salvini non è stato capace di rimpatriarne nemmeno uno.

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica