La Raggi ha due priorità per Roma: “Chiudere CasaPound e aprire la funivia”

giovedì 21 maggio 11:21 - di Marta Lima

Vuole farlo, ma non può dirlo. Anche perché dietro l’angolo c’è Alessandro Di Battista che potrebbe farla fuori su due piedi. Ecco perché Virginia Raggi, alla domanda, “Ricandidarmi?”, taglia corto Virginia Raggi. “Lo dice lei. C’è ancora tanto da fare da qui alla fine del mandato. Tentata dal bis? Ora ho la tentazione di completare tante cose che ho in cantiere. Questo è il mio obiettivo adesso”. La sindaca di Roma ha parlato questa mattina a ‘Radio Rock’. Enunciando le sue priorità e incensando i romani per il loro comportamento durante la pandemia.

La Raggi ringrazia i romani

”Ai romani, non è piaggeria, darei un 10 e lode se non 11. I romani si sono comportati benissimo, hanno rispettato regole molto difficili. Dobbiamo essere orgogliosi di noi. Ma non siamo ancora usciti dall’epidemia, non dobbiamo abbassare la guardia, è un mantra. Non è ancora il momento della movida, dobbiamo stare molto attenti altrimenti rischiamo di tornare in Fase1. Dobbiamo ancora stringere i denti”.

CasaPound e la funivia

Poi le priorità. La prima è CasaPound, che secondo la Raggi la “ricatta”. “CasaPound ce l’ha con me perché ho rotto le uova nel paniere sia a Ostia sia sull’immobile di via Napoleone III a Roma, a cui abbiamo tolto la scritta. Ricordo che i due immobili occupati non sono del Comune, altrimenti avrei già avviato le pratiche per lo sgombero. Uno è del Mef, l’altro è del Demanio militare. Ho chiesto e chiederò ancora di procedere allo sgombero. Non si può pensare di venire a insegnare a noi come vivere quando le loro azioni sono volte a violare la legge. Non cedo ai loro ricatti”.

L’altra priorità della sindaca di Roma è la funivia di Casalotti: “La faremo, stiamo aspettando i decreti attuativi del Mit…”.
“La famosa funivia si farà, siamo in attesa dei decreti attuativi del Ministero dei Trasporti che ha già approvato il progetto. I decreti dovevano arrivare molto prima dell’estate, poi c’è stato il Coronavirus e tutto ha avuto una battuta d’arresto. Gli abitanti di Casalotti e Roma nord possono stare tranquilli, è un progetto che andrà avanti”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • fazio 21 maggio 2020

    io se fossi in lei dopo la corsia preferenziale per le biciclette farei pure quella per i somari.

  • Sandro Cecconi 21 maggio 2020

    “La Raggi ha due priorità per Roma: “Chiudere CasaPound e aprire la funivia”

    Signora Lima,

    nel suo titolo manca: “e mai accendere il cervello”. Sarebbe troppo faticoso.

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica