Follia nel centro d’accoglienza: pregiudicato africano spacca il naso alla guardia di sorveglianza

sabato 9 maggio 17:02 - di Redazione
africano

I carabinieri hanno arrestato un 36enne africano originario del Gambia, richiedente asilo e pregiudicato, con l’accusa di lesioni aggravate e resistenza a pubblico ufficiale. L’indagine è scattata con la denuncia di una guardia giurata, il 25 marzo scorso. L’uomo aveva subito un’aggressione mentre era impegnato nel servizio di vigilanza alla “Casa dell’Accoglienza” di Cremona.

L’africano già noto ai carabinieri

Ai carabinieri aveva riferito di aver subito una violenta aggressione. Un soggetto armato di coccio di bottiglia lo aveva colpito con un violento pugno al volto e gli aveva rotto il naso. I militari, dopo aver indagato e acquisito diversi filmati dei sistemi di videosorveglianza, hanno identificato il 36enne e lo hanno rintracciato nel pomeriggio di ieri nei pressi della stazione di Cremona, con un coltello da cucina addosso. Il gambiano era già noto ai carabinieri per resistenza ed oltraggio a pubblico ufficiale, sempre nella stessa casa d’accoglienza.

Gli ospiti del centro spesso al centro di casi di cronaca

La stessa struttura è stata già al centro di diversi episodi di cronaca, fra i quali uno dei più recenti è l’arresto, avvenuto il 18 marzo, di un nigeriano per sequestro di persona, resistenza a pubblico ufficiale e minacce aggravate. Il 27 febbraio, poi, un 34enne del Burkina Faso era stato arrestato mentre cercava di introdursi nella struttura senza averne titolo, mentre a metà gennaio un liberiano era stato arrestato per spaccio.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • piero minnetti 9 maggio 2020

    BENE, AL MURO E IN TESTA DUE BULLETS!!! O SIETE SCEMI VOI

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica