Donne musulmane rinchiuse in un “recinto” a Roma. Rampelli: “Le ho viste con i miei occhi”

domenica 24 maggio 18:30 - di Redazione

Donne musulmane rinchiuse in un recinto a due passi dalla basilica di San Giovanni a Roma. Sotto gli occhi di tutti. Polizia compresa. La denuncia è di Fabio Rampelli, che su Facebook racconta la “triste” avventura domenicale. Con tanto di foto scattate personalmente.

Rampelli: donne musulmane rinchiuse in un recinto a Roma

“Ero alle ore 9.30 di questa mattina in Piazza Re di Roma, a Roma”, racconta il vicepresidente della Camera. “Gli uomini pregano ignorando le regole del distanziamento sociale, ma hanno almeno la mascherina. A pochi metri di distanza si vede un recinto. Non è una porcilaia, ma lo spazio riservato alle donne rinchiuse dietro una rete oscurante. Come fossero animali. Non possono partecipare alla preghiera né vedere i fedeli e l’iman. La polizia osserva senza eccepire“.

“Chiederò spiegazioni a Conte”

Rampelli si domanda: “Ma gli articoli 3, 37 e 51 della Costituzione italiana li gettiamo nella tazza del cesso? Lo chiederò a Conte questa settimana. Adesso basta”. L’esponente di Fratelli d’Italia, che promette battaglia in Aula, si riferisce agli articoli della Costituzione relativi alle pari opportunità tra uomo e donna. Che tutti ben conoscono. Che si imparano a memoria  tra i banchi di scuola. “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge. Senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche. Di condizioni personali e sociali”. E ancora: “È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che impediscono il pieno sviluppo della persona umana. E l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese”.

Rampelli cita anche l’articolo 37 nella quale si fa riferimento alla donna lavoratrice. “Che ha gli stessi diritti e, a parità di lavoro, le stesse retribuzioni che spettano al lavoratore”. Infine nel post viene ricordato l’articolo 51 nel quale si dice che tutti i cittadini dell’uno o dell’altro sesso possono accedere agli uffici pubblici. E alle cariche elettive in condizioni di eguaglianza. A tale fine la Repubblica promuove con appositi provvedimenti le pari opportunità tra donne e uomini”. Per le donne musulmane, evidentemente, il governo italiano e l’amministrazione capitolina fa una eccezione. E le forze dell’ordine che fanno? Guardano. Controllano. Ma non multano. Forse il Viminale ha deciso così e loro, legittimamente, eseguono.  “Non si può più accettare – conclude Rampelli – di essere discriminati in casa propria. Di vedere stravolti i nostri principi ordinatori. Per i quali generazioni si sono battute con coraggio. Di subire divieti e sanzioni mentre cittadini stranieri vìolano indisturbati la legge”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Claudio 26 maggio 2020

    È inutile citare gli articoli della costituzione italiana, loro hanno il Corano e gli hadith e quello applicano in tutto il mondo, per lo meno i credenti praticanti.
    E questo è scritto qui:
    Le donne che ti passano vicino durante la tua preghiera, la annullano

    ‘Aisha ha detto: ‘le cose che annullano la preghiera sono state menzionate davanti a me (ed esse erano): un cane, un asino e una donna’. Ho detto: ‘ci hai paragonate (noi donne) a degli asini e cani.
    Per Allah!’ Ho visto il profeta pregare mentre giacevo nel (mio) letto fra lui e la Qibla. Ogni volta che avevo bisogno di qualcosa, mi dispiaceva fermare e turbare il Profeta. Così, sgattaiolavo via dalla parte dei suoi piedi.’ (Libro 9, Hadith 493)

    Anche un ebreo annulla la preghiera di un uomo

    ‘Ha detto Abdullah ibn Abbas: ‘Ikrimah ha riportato dall’autorità di Ibn Abbas: ‘credo che l’Apostolo di Allah (pace sia su di lui) ha detto: quando uno di voi prega senza sutrah, un cane, un asino, un maiale, un ebreo, un mago e una donna disturbano la sua preghiera, ma è sufficiente che loro passino davanti a lui alla distanza di una pietra gettata.’’’ (Libro 2, Hadith 704)

    Pertanto se per loro queste sono le parole del profeta dell’Islam non c’è costituzione che valga.
    Qui in arabo e in inglese.
    https://sunnah.com/bukhari/8/158

  • mario 25 maggio 2020

    i commenti sono inutili, bisogna agire e subito.

  • mario 25 maggio 2020

    la stazione bus di tiburtina occupata da tempo, per cui non più in funzione, i cortili di libero accesso a tutti , piazze androni vie centrali non più libere, per i cittadini normali e paganti tasse, ma tutti i responsabili del governo che fanno?????

  • Mike 25 maggio 2020

    Sti cavernicoli portano con loro lo schifo dei fedeli a quel pedometto. La donna e’ un possesso e va protetta da altri predoni. Si la donna va chiusa in casa. Questi sono quelli nei quali il pontefice vede i Gesu Cristi!

  • Silvia Toresi 25 maggio 2020

    Evidentemente per questo governo contano sempre di più gli stranieri degli Italiani. Per gli Italiani solo doveri per gli stranieri solo diritti e non sono tenuti neanche a rispettare le nostre leggi.

  • Giovanna 25 maggio 2020

    Nel Medioevo qualcuno si domandava se noi donne avessimo un cervello…
    Quale sarà il prossimo passo del non eletto pseudoavvocato di tutti gli italiani? Abolire la giornata celebrativa dell’8 marzo?Rinchiuderci in casa e toglierci il diritto di voto?
    VERGOGNA…Giorgia, pensaci tu !!!

  • Rodolfo 25 maggio 2020

    L’islam è un nemico mortale, non esiste quello moderato, è tutto islam che si propone di conquistare l’Occidente. Coglioni tutti coloro che lo approvano, tollerano. Ed è veramente da idioti importare gente quand’anche non illegalmente che si professa musulmana e che dichiara di estinguere gli infedeli. Tutti i governi di qualunque colore e la chiesa hanno la grossa responsabilità di aver consentito l’islamizzazione del paese, dell’europa. Ormai è tardi e ci vorrebbero i carri armati per espellerli tutti, togliendo anche le cittadinanze concesse. E date un’occhiata all’indice di natalità, capirte da soli cosa accadrà a breve. Ma quello italico non è un popolo era conosciuto all’estero anni addietro come: andreotti, mafia, spaghetti. E’ cambiato qualcosa?

  • mario noce 25 maggio 2020

    è una vergogna di questo governo.

  • Massimo Steffanoni 25 maggio 2020

    Non oso pensare se questa situazione fosse successa in una città a guida centrodestra.
    Chissa perchè quando succede qualche cosa in città a guida M5S e/o PD, finisce tutto sotto silenzio.
    Evvia la democrazia, evviva la libertà.

  • Giuseppe Forconi 25 maggio 2020

    Forse cominciate a capire cosa sia l’islam? Loro, i beduini, la chiamano religione di pace, noi, che gia’ la conosciamo, la chiamiamo la religione dell’odio, del crimine, della guerra, pronti a sottomettere qualsiasi essere umano che non si converta. Visto come trattano le donne? Ma gli servono solo come fattrici, poi si buttano, ma loro la chiamano religione di pace e di amore. Continuate a permetterlo e vedrete.

  • Ben Frank 25 maggio 2020

    …“ma gli articoli 3, 37 e 51 della Costituzione italiana li gettiamo nella tazza del cesso?”… Perché, il resto no? Lo sciacquone è la migliore custodia per il libercolo badogliano, denominato costituzione della repubblic(hett)a…

  • Nino 25 maggio 2020

    E questa, signori buonisti, è integrazione ? Mi sa tanto che tra un po’ di anni, se non prendiamo i necessari provvedimenti, dovremo essere noi a integrarci a loro rispettando le regole islamiche!!

  • Banchero Giuseppe 25 maggio 2020

    L’ Islam è il male assoluto e va distrutto.

  • federico 25 maggio 2020

    dove sono le (pseudo)femministe? le baldanzose del “se non ora, quando?”?

  • rino 25 maggio 2020

    Per gli affari, per il petrolio e per avere lavoratori schiavi si accetta di tollerare una cultura arretrata di 622 anni e persone che, per quella cultura, non possono rispettare le nostre leggi. Sono rissose, prepotenti e potenzialmente pericolose, al pari di noi europei nell’anno 1441. Basta guardare lo sceneggiato in onda su canale 5 “La Cattedrale del Mare” per avere una idea di come ragionavamo e come ragiona ancora adesso certa gente. Sono culture inconciliabili, separate da 622 anni, che forzatamente si tenta di mescolare e lo testimoniano i morti innocenti degli attentati, che non finiranno finché non lasceremo tranquilla quella gente vivere nel loro mondo e solo nel loro mondo, come si faceva una volta.

  • Francesco Ciccarelli 24 maggio 2020

    Ecco il vero volto dell’Islam! Dove sono le “femministe”?

  • Pavel 24 maggio 2020

    Sostituzione etnica con appoggio dei politici italiani .a loro tutto è permesso noi dobbiamo schiattare al più presto!

  • Sergio 24 maggio 2020

    Vi siete Islamizzati, allora è giusto così.

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica