Coronavirus, l’Aifa approva cinque nuove sperimentazione di farmaci. Spallanzani in prima fila

lunedì 4 maggio 17:35 - di Redazione
CORONAVIRUS

L’Aifa, l’Agenzia italiana del farmaco, ha autorizzato cinque nuove sperimentazioni cliniche per il trattamento della malattia del Coronavirus.

C’è, innanzitutto, il via libera, in particolare, a un grande studio italiano multicentrico. Con un disegno adattativo, denominato Ammuravid. E promosso dalla Simit, la Società italiana di malattie infettive e tropicali.

Il progetto valuta, rispetto al trattamento standard, i seguenti bracci di studio: tocilizumab, sarilumab, siltuximab, canakinumab, baricitinib, metilprednisolone.

Aifa ha inoltre autorizzato, sempre in relazione all’emergenza Coronavirus, uno studio randomizzato di fase 2 in singolo cieco di confronto del Selinexor rispetto al placebo in aggiunta alla terapia standard.

Selinexor è approvato negli Usa per il trattamento del mieloma multiplo in stadio avanzato.

Un ulteriore studio, coordinato dall’Istituto Spallanzani di Roma, riguarda l’utilizzo di sarilumab, un inibitore dell’interleuchina Il6.

Si tratta di uno studio randomizzato di fase 3, multicentrico, a due bracci: un braccio sperimentale che in aggiunta allo standard assume sarilumab. E un braccio di controllo che prosegue la sola terapia standard nel trattamento di pazienti con polmonite severa da Coronavirus Covid-19.

Uno studio multicentrico, di fase II, coordinato dall’Istituto scientifico romagnolo per lo studio e la cura dei tumori – Irst Irccs Meldola, randomizzato, in aperto e controllato, è volto a valutare l’efficacia e la sicurezza dell’idrossiclorochina rispetto all’osservazione sia nella prevenzione dell’infezione nei soggetti esposti che nel trattamento precoce di Coronavirus Covid-19.

A tal proposito l’Agenzia richiama l’attenzione sul fatto che l’uso profilattico di idrossiclorochina deve essere considerato esclusivamente all’interno di studi clinici.

È stato infine autorizzato uno studio multicentrico randomizzato, coordinato dalla Asst Grande ospedale metropolitano Niguarda di Milano. Che valuta due differenti dosaggi di enoxaparina per la tromboprofilassi di pazienti ospedalizzati Covid-19 positivi.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica