Confintesa ricorda i 50 anni dello Statuto dei Lavoratori con una diretta social

martedì 19 maggio 13:35 - di Redazione
confintesa nazionale

Confintesa ricorda i 50 anni dello Statuto dei Lavoratori con una diretta facebook. Il 20 maggio del 1970 entrò in vigore la Legge n. 300 denominata “Statuto dei Lavoratori”. Lo Statuto portava all’interno dei posti di lavoro delle innovazioni sociali ancora oggi più che mai valide dal punto di vista del rispetto dei diritti individuali del lavoratore. A partire da un primo riconoscimento giuridico delle Organizzazioni Sindacali a diritti individuali del singolo lavoratore.

Confintesa: lo Statuto cambiò i diritti

Come ad esempio il divieto da parte del datore di lavoro di chiedere informazioni preventive e discriminare il dipendente per i suoi orientamenti politici o religiosi. Importante fu il famoso articolo 18 che obbligava il datore di lavoro a reintegrare nel posto di lavoro il dipendente licenziato senza giusta causa. Nel corso dei decenni avvennero alcune modifiche dovute anche ad azioni referendarie che portarono a cambiamenti tra cui l’abolizione del reintegro sostituito con un indennizzo monetario.

E’ ancora valido o andrebbe aggiornato?

A 50 anni dalla sua approvazione in molti si domandano se è ancora valido lo spirito di quella legge o se andrebbe rivista in alcuni suoi aspetti per adeguarla ai cambiamenti che hanno interessato il mondo del lavoro e che hanno reso lo stesso non più rigido all’interno di uffici o fabbriche. Ma, attraverso nuove forme e l’utilizzo delle tecnologie, molto diverso da quello che era nel 1970.

Domani la diretta sui social di Confintesa

Confintesa ne parlerà in una diretta sulla pagina Facebook di “Confintesa Nazionale” e sullo stesso sito. Inoltre anche sul Canale You tube “Confintesa Social” mercoledì 20 maggio con inizio alle ore 16. Alla diretta parteciperanno dirigenti sindacali centrali e territoriali oltre che al Segretario generale di Confintesa Francesco Prudenzano.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica