“Casa, dolce casa”: così la pandemia ha fatto giustizia della globalizzazione buonista

martedì 19 maggio 17:41 - di Riccardo Pedrizzi
pandemia e casa con caminetto

Pandemia docet. Casa, dolce casa. Non se ne poteva proprio più. Si, era diventata una litania ormai insopportabile. Continuavano a ripeterci che avremmo dovuto eliminare i confini nazionali, per aprirci al mondo e alla globalizzazione, che avremmo dovuto abbattere i muri per condividere spazi ed ospitare amici, sconosciuti, nemici e “diversi”. “Ponti e non muri” era il ritornello in tutte le lingue, con tutti i toni morbidi o arrabbiati.

La pandemia ha aperto gli occhi a molti

La signora del salotto buono dei Parioli, a Roma, o della elegante Via Monte Napoleone, a Milano, prendendo il suo the alle cinque del pomeriggio, condannava barriere, frontiere, porte e portoni. L’attivista sindacale della fabbrica metalmeccanica e la suffragetta volontaria della onlus che vuole salvare l’ultima foca ed il penultimo elefante, ma poi rivendica l’aborto libero e l’eutanasia per il vecchio malato, vagheggiava una società aperta, ecumenica, mondalista.

Quando la questione è seria, la musica cambia…

Poi “quando arrivano i tempi in cui è questione di vita o di morte – ha scritto Ernesto Galli della Loggia – allora conta davvero chi parla la tua stessa lingua e condivide il tuo passato, chi ha familiarità con i tuoi luoghi e ne conosce il sapore e il senso, chi canta le tue stesse canzoni e usa le tue medesime imprecazioni”. La pandemia da coronavirus ha cambiato tutto e quegli stessi che ci facevano lezione di buonismo ora sono i più rigorosi nel chiedere di interrompere le relazioni e i voli internazionali, sono gli stessi che ci dicono di restare a casa per evitare qualsiasi tipo di contatto.

Anche perché si accorgono ora che ci siamo scambiati i mali con il resto del mondo. “Vedi i turisti del Nord Italia respinti al mittente al loro arrivo nelle isole Mauritius – scrive l’amico Claudio Antonelli, che scrive per la mia rivista “Intervento nella Società” – . E vedi le due navi da crociera italiane cui è stato rifiutato l’approdo. Non c’è che dire, il ruolo si è paradossalmente invertito. Oggi sono gli africani e i loro discendenti a respingere i nostri italiani. Italiani “disperati” perché così bisognosi di vacanze esotiche”.

La pandemia fa sì che lo straniero sia controllato

Ed «oggi, con il coronavirus sono in auge blindature e cordoni sanitari intorno ad intere aeree, all’interno persino della stessa nazione». – continua sempre Antonelli – «Oggi, il “diverso”, non è più da accogliere a braccia aperte, ma da sottoporre a verifica con termometri, quarantene e, se necessario, respingimento al luogo d’origine». Così le quattro mura della nostra abitazione sono diventate la rocca del castello medioevale.

E quanto più era mondialista prima del virus, tanto più, il buonista di turno è diventato rigorosamente nazionalista. E riscopre,come ha dichiarato il sociologo Francesco Alberoni, che “con la ricomparsa del pericolo è ricomparso lo Stato”. …quello “Stato che sembrava un’entità inesistente, buona solo a distribuire i benefici di cittadinanza, un colabrodo”. Però è sempre lui, il buonista, quello del pensiero politicamente corretto, che sale sempre in cattedra. Sia quando era convinto che il Covid-19 era una semplice influenza e che si poteva prendere l’aperitivo a Milano sui navigli con cinesi ed amici di partito. E quando era disponibile ad accogliere chiunque nel nostro Paese ma non a casa propria naturalmente. Sia anche oggi che si chiude in casa e rivaluta le mura domestiche che lo difendono e lo salvaguardano dalla malattia.

La casa è il rifugio dal virus

La verità è che la casa con le sue mura, le sue pareti è diventata il nostro rifugio, il luogo che protegge noi e la nostra famiglia dalla pandemia. Nelle nostre abitazioni è rinato lo spirito familiare e comunitario, dentro quattro mura si lavora e si lavorerà sempre più. Da quel luogo si diramano e si hanno rapporti con tutto il mondo. La casa torna ad essere la “domus” di memoria romana come centro di affetto, di lavoro, di affari e di relazioni politiche.

E’ cambiato il rapporto emotivo e sentimentale con la “nostra” casa, che è tornata ad essere il centro della nostra vita. Come una volta. Quando tutta la famiglia si riuniva intorno alla tavola per il pranzo e la cena. Come quando i nonni di fronte al camino o intorno al braciere (non esistevano ancora i termosifoni) ci raccontavano favole indimenticabili e, prima di mandarci a letto, a noi bambini facevano recitare le preghiere. Altro che ponti, passerelle e scale mobili, si è tornati al castello fortificato, al territorio delimitato dall’aratro, ai confini per difendersi da malattie e dalle invasioni di tutti i generi.

Tra le eredità della pandemia c’è la riscoperta della casa

Certo non per tutti la casa è o può diventare tutto questo. “Non sempre è un rifugio, il luogo del calore, la patria morale che non si vede l’ora di rivedere dopo una giornata di lavoro” – scrive Pierluigi Battista sul supplemento 7 del “Corriere della sera” -. “Se la casa è lo spazio degli affetti primari, spesso la sua bruttezza, la sua ubicazione, il suo stile, o meglio mancanza di stile, rovinano quegli stessi affetti”. Per cui il bravo giornalista de “Il Corriere” conclude con la speranza “che il virus venga debellato e che le persone siano liberate da una condizione di casalinghitudine disperata”.

Chi, invece, ha la fortuna di stare bene nella propria casa e si sente a proprio agio ed è contento di passare tanto tempo nel calore familiare come me (e da buon napoletano faccio i proverbiali scongiuri) spera che tra le tante eredità negative che ci lascia questa pandemia ci sia per qualcuno la riscoperta della “casa,dolce casa”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica