Arrivano 60mila “assistenti civici” per distanziare le persone. Ecco come arruolarsi

domenica 24 Maggio 19:22 - di Lucio Meo

L’apporto dei volontari alla Fase 2

“Stiamo progressivamente entrando in una nuova normalità – aggiunge Boccia – c’è una graduale ripresa delle attività produttive e i cittadini stanno, giorno dopo giorno, tornando a popolare le città. I Comuni, attraverso Anci, potranno avvalersi del contributo degli ‘assistenti civici’ per far rispettare tutte le misure messe in atto per contrastare e contenere il diffondersi del virus, a partire dal distanziamento sociale. Dopo le migliaia di domande di medici, infermieri e operatori socio sanitari, arrivate alla Protezione civile nel momento maggiore emergenza negli ospedali italiani, ora è il momento di reclutare tutti quei cittadini che hanno voglia di dare una mano al Paese, dando dimostrazione di grande senso civico”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • avv.alessandro ballicu 25 Maggio 2020

    saranno degli sceriffi che sfogheranno la loro frustazione facendo gli aguzzini contro i lavoratori autonomi e i cittadini che, dopo 2 mesi di arresti domiciliari( anticostituzionali) cercheranno di riprendersi un po di libertà,
    non ci sono soldi per nessuno e il governo filocinese li trova per fare assunzioni clientelari, finita l’emergenza poi i volontari pretenderanno di essere stabilizzati e chi paga?
    il governo, e gli sceriffi ( governatori e sindaci) così come hanno trovato poliziotti e militari per angosciare i cittadini, durante la fae 1, li potevano trovare anche ora

  • tommaso bisi griffini 24 Maggio 2020

    passiamo dal distanziamento sociale alle oceaniche adunate che sarà meglio.

  • anan vito 24 Maggio 2020

    NON DOVRESTE PUBBLICIZZARE “IL KGB” ALL’ITALIANA,60000 DELATORI,MA VOI DA CHE PARTE STATE?

  • Elena 24 Maggio 2020

    Arrivano gli spioni di regime.