Salvini all’attacco: il governo tratta gli italiani come bambini, sulla fase 2 solo confusione (video)

giovedì 30 aprile 16:11 - di Redazione

Matteo Salvini replicando al Senato all’informativa del premier Conte ha accusato il governo di non decidere nulla e di avere inondato gli italiani di regole confuse e indecifrabili. Ha poi rivendicato all’opposizione il merito di essere sempre presente in Parlamento consentendo il voto su provvedimenti di emergenza come i 55 miliardi di cui si parla oggi.

“Dal premier – ha detto – solo buoni propositi. In un tweet del 6 aprile Conte prometteva 750 miliardi per le imprese. Dopo venti giorni nulla”.  Il presidente di Confindustria – ha ricordato – ha parlato di “susseguirsi di misure caotiche” per la fase due. “In una settimana avete fatto indispettire vescovi, ristoratori, parrucchieri, genitori. O sono tutti leghisti o  state sbagliando qualcosa”.

Per Salvini gli italiani non sono bambini dell’asilo cui dire cosa fare o non fare. “Avete nominato decine di esperti che devono spiegare cosa fare, diteci poche cose ma chiare. Lei – ha aggiunto rivolgendosi a Conte – è pagato per risolvere quello che non va. La cassa integrazione doveva arrivare per tutti entro metà aprile, siamo al 30 aprile, non è più il momento di perdersi in cavilli”. Quindi ha puntato l’indice contro la Cgil, accusata di influenzare il governo sulle decisioni che riguardano i lavoratori. “Dovete scegliere tra statalismo e burocrazia e mondo delle imprese”.

Salvini ha continuato osservando che non si parla di sospensione dei mutui, né delle bollette, e si attendono 8 milioni di cartelle esattoriali “che in un paese normale sarebbero stracciate”. Ha quindi polemizzato con il ministro Bonafede per l’uscita dal carcere dei boss mafiosi e ha detto che la Lega resterà nelle aule parlamentari finché non arriveranno risposte concrete.

“Io mi domando se tra coloro che sono intervenuti nella maggioranza qualcuno ha mai parlato con una partita Iva, se è mai entrato in un negozio, se ha problemi di mutuo. Dite sempre: faremo, faremo. Il premier venga a dire: abbiamo fatto”. Poi ha concluso: “Qualcuno vede per l’Italia un futuro da colonia cinese o tedesca io vedo per l’Italia un futuro orgogliosamente italiano”.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Nicolo' 1 maggio 2020

    Si, ok Salvini, ma se sono li ‘ a farla sta confusione e’ colpa anche tua.
    Ricordi quando la Meloni ti disse vai da Mattarella e chiedi il Governo di Centrodestra? Non l’hai fatto.
    Ricordi i pessimi provvedimenti dei Reddito di Cittadinanza e Quota 100, che ora pesano come inutili macigni sul bilancio dello stato ? Tuo concorso di colpa.
    Ti ricordi che hai mollato il governo credendo che Renzi ti facesse avere le elezioni ? In quell’occasione hai mollato le redini lasciando in mano tutto alla sinistra. Colpa ancora tua.
    Fai poco il gradasso, per favore e ancor meno l’indisponibile a discutere, perche’ non e’ nell’interesse degli Italiani che ambisci a tutelare.
    Eppoi sono sorpreso che nella Lega ove ci sono almeno 4-5 leader migliori, tu sia ancora in sella. Il tuo posto lo meriterebbe Zaia, che ha dimostrato di saper fare tenendo duro quando serve, performando meglio di te..
    Quindi per favore sii piu’ umile e metti giu’ qualche provvedimento economico intelligente, in concreto, invece di chiedere dimissioni a destra e a manca che tanto non otterrai mai.
    Lavora di fioretto per favore e se non ne sei capace, farai meglio ad ascoltare, perche’ in questo momento sei poco comprensibile e controproducente.

  • Giuseppe Forconi 1 maggio 2020

    Belle parole, ma quelle facce da stoccafisso che si vedevano, non hanno ascoltato ne capito nulla , per loro che hanno un cervello che pensa solo in funzione dei pensieri di togliatti e di stalin le parole con sfondo democratico non entrano in quelle zucche ormai vuote dove il cervello serve solo come riempimento della scatola cranica.

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica