Colosimo (Fdi) contro il sindaco di Cerveteri: abbandonata una famiglia in gravi difficoltà. Chieda scusa o si dimetta

domenica 5 aprile 13:16 - di Redazione
welfare foto Ansa

In settimane d’emergenza, l’emergenza non fa sconti a nessuno. Specie a chi, alle drammatiche difficoltà inferte dall’epidemia di coronavirus, deve aggiungere quelle di sempre. Dettate magari da una malattia gravissima. Come nel caso di una famiglia di Cerveteri, i cui genitori, già messi a dura prova dalle condizioni di salute che affliggono i due figli piccoli, ora si trovano ad avere a che fare con un’assistenza ridotta e che funziona a corrente alternata. La denuncia del caso della consigliera regionale di Fratelli d’Italia, Chiara Colosimo.

Colosimo (Fdi) contro il sindaco di Cerveteri

«Il Sindaco di Cerveteri, Alessio Pascucci denuncia la Colosimo –, pubblica su Facebook un video vergognoso in cui cerca goffamente di difendersi dalle lamentele di una famiglia. I cui genitori vivono il dramma di due figli in casa affetti dalla sindrome di Batten, una gravissima malattia congenita neurodegenerativa. Il primo cittadino, visibilmente risentito, afferma di aver fatto tutto il possibile, malgrado l’emergenza Coronavirus, per assicurare loro ogni forma di assistenza. Ma purtroppo per lui, noi la storia di questo nucleo familiare la conosciamo bene. E, prosegue il consigliere regionale di Fdi, è «una storia che racconta che la famiglia è stata abbandonata al proprio destino per ben sei anni. Una famiglia che oggi può contare, grazie alla tenacia dei genitori e all’intervento della Asl, e non certo del Sindaco Pascucci, su sole quattro ore di assistenza domiciliare».

Ridotta l’assistenza a una famiglia bisognosa di aiuti

«Ore – aggiunge l’esponente Fdi alla Pisana – che il primo cittadino a fine dicembre, senza vergogna, aveva anche deciso di togliere. Anche l’assessore alle politiche sociali della Regione, Troncarelli, alla quale ho presentato un’interrogazione urgente, conosce bene i termini della questione. Quindi la invitiamo quanto prima a chiamare Pascucci, che fa parte anche del suo stesso schieramento politico, ed invitarlo ad abbassare i toni. Oltre che a chiedere scusa a questa famiglia. Se cosi non fosse», conclude la Colosimo, «forse il primo cittadino farebbe meglio a rassegnare le dimissioni. Perché chi non si dimostra capace di prendersi cura dei più fragili, non può essere in grado di amministrare una cittadina importante e ricca di storia come Cerveteri».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Mauro collavini 6 aprile 2020

    Credo che il sindaco vada denunciato oltre che preso a calci nel sedere. Basta con questi dementi che magari fanno di tutto per l i. Migrazione clandestina e. Poi lasciano i ns. Connazionali a morire di fame.

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica