L’INDIGNOMETRO / Fino a quando dovremo tacere sugli errori del governo?

martedì 24 Marzo 13:10 - di Maurizio Gasparri

Gira voce che non si deve fare polemica nei confronti del governo perché siamo in un momento di emergenza. E tutti, sia in sede politica sia in sede giornalistica, proviamo ad adeguarci, anche se ci troviamo di fronte a problemi macroscopici legati all’inadeguatezza di chi ci governa. E così a volte, invece dell’indignometro, attiviamo il calmometro, per evitare di dare sfogo a insulti e considerazioni più che dovute.

Tra gli errori madornali dobbiamo evidenziare quello fatto un paio di settimane fa dal governo, quando di sabato sera ha annunciato il blocco agli spostamenti senza varare immediatamente il provvedimento e determinando fughe ferroviarie da Nord a Sud che hanno creato tanti problemi in tante parti di Italia. Sono passate ore ed ore prima che si capisse qualcosa e poi non è che si sia capito molto. Ma intanto l’esodo c’era stato, e con esso il contagio. L’errore è stato ripetuto in un altro sabato, lo scorso, in cui Conte si è dedicato a dare comunicazioni agli italiani attraverso  una tardiva diretta Facebook. Un metodo singolare per dare notizie ufficiali, ma forse voluto per evitare risposte, lasciando il Paese in attesa di un provvedimento che è arrivato molte ore dopo, con molte contraddizioni, e con molti punti poco chiari. Di errori ne potremmo elencare molti altri.

Resta il problema, ancora non chiarito, di uno stato di emergenza decretato il 31 gennaio, con tanto di pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale, senza adeguati provvedimenti di supporto. Era sbagliato proclamare lo stato di emergenza o è stato un errore criminale non varare le norme conseguenti? Di certo c’è una cosa: il calmometro non potrà prevalere troppo a lungo sull’indignometro. Chi oggi governa il paese è un insulto alla razionalità, alla capacità,  all’intelligenza.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Sergio Daniele Pegorini 26 Marzo 2020

    Perchè non si riesce a condividere su FB ? Certe cose devono andare a conoscenza di tutti ma cliccando il simboletto occorre mettere il link che non si riesce a mettere…….

    • Francesco Storace 26 Marzo 2020

      A volte basta aggiornare il sito

  • Sandy Caine 25 Marzo 2020

    Per un popolo di qualunquisti un governo di incapaci criminali!

  • Renato Biscetti 24 Marzo 2020

    Vietato disturbare il manovratore…siamo un popolo di pecore.

  • A.F. La Marca 24 Marzo 2020

    Gent.mi,
    propongo una petizione di denuncia ai sensi di Legge, nei confronti del Premier Conte per strage, per mancati provvedimenti alla comunicazione sulla Gazzetta di Gennaio 2020 a cui non ha fatto seguito nulla di nulla, incapacità a governare del sopra citato Conte è tutto il governicchio di incapaci, inutili, inietti. I “DICTACT” del sig Conte e company anno e DEBBONO essere avvallati dal Parlamento altrimenti improponibili e NON VALIDI.
    Alessandro Filiberto La Marca
    Naval Architect Designer