Inghilterra senza pudore. Un giornalista: “Gli italiani usano la pandemia per non lavorare”. I social: sei un infame

domenica 15 Marzo 11:41 - di Elsa Corsini
Inghilterra

Inghilterra senza pudore. “Gli italiani stanno usando la pandemia per non andare a lavorare”. Senza vergogna. Sono le parole di un anchorman britannico, conduttore del programma inglese Malattie imbarazzanti. Per Christian Jessen la quarantena italiana è solo un alibi. E poco importa dei morti, degli ospedali stracolmi, dei medici e infermieri in prima linea. Dei parenti dei morti ai quali è vietato di celebrare l’ultimo saluto con il funerale. Forse Oltremanica le notizie del bollettino di guerra del coronavirus arrivano in ritardo.

Inghilterra fuori controllo: ignoranza e razzismo

Le vergognose parole vengono pronunciate dal giornalista rampante del Regno Unito in un’intervista telefonica sai microfoni di Fubar Radio. E  quel che è peggio, Jessen è consapevole dello scivolone. “Dovete scusarmi se dirò qualcosa che può sembrare un po’ razzista.  Gli italiani usano delle scuse per chiudere tutto esmettere di lavorare per un po’. Per avere una lunga siesta”.

Neanche a dirlo è favorevole alla aberrante teoria di Boris Johnson. Quella dell‘immunità di  gregge.  Quella che lascia che i cittadini muoiano ccontagiati per rafforzare il sistema immunitario degli altri. Chapeau.

La rabbia sui social: si vergogni

Da Roma sui social si è scatenato uno tsunami di indignazione contro il giornalista. Che è anche laureato in medicina. “Non è il momento delle polemiche. Ma quando un cretino insulta gravemente tutto un popolo che sta lottando per la vita, non si può tacere. Non so se questo programma sia in qualche canale italiano. Ss così fosse dobbiamo pretendere che sia sospeso immediatamente”. In Italia la trasmissione è trasmetta su Real Time.

“Spero che gli inglesi non paghino un prezzo alto in vite umane e sofferenze per queste parole prive di fondamento. Ci vediamo fra 10 giorni”. Così su Twitter Walter Ricciardi, consulente del ministero della Salute e  membro dell’esecutivo dell’Oms.

Anche il centravanti della Lazio Ciro Immobile è sceso in campo. “Vallo a dire ai parenti di chi muore. Sei un testa di caz…”

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • EROS 16 Marzo 2020

    FAZIO non si tratta di puzza sotto il naso, ma di inglesi figli di putana a prescindere.
    Da secoli banditi, terroristi ladri e spesso feroci assassini, basta leggere un poco di storia per capire che il loro porco eroe nazionale nelson altro non era che il primo terrorista della storia dopo Erode della Evangelica strage.
    Sarebbe ora di far sparire dall’Europa questa ridicola inascoltabile e schifosa lingua inglese, anzi meglio sarebe che sparisse tutta l’inghilterra ingogliata dall’oceano.

  • Luciano Degl'Innocenti 15 Marzo 2020

    tua madre e tuo padre quando ti hanno concepito non avevano niente altro da fare?

  • Luciano Degl'Innocenti 15 Marzo 2020

    tua madre e tuo padre quando ti ha concepito non avevano niente altro da fare?

  • Mauro 15 Marzo 2020

    Spero che si lui che il primo ministro inglese vengano contaggiati assieme a tutti i loro famigliari. Solo cosi si renderanno conto della gravità della situazione

  • fazio 15 Marzo 2020

    non si smentiscono mai sono sempre con la puzza sotto il naso

  • ziano 15 Marzo 2020

    Ma in realtà v’è poco da dire , se uno fosse intelligente , innanzitutto si informerebbe della storia , e visto la tecnologia che avanza potrebbe cliccare su internet per le info.
    Contro i mulini a vento non ci sono commenti da dare.

  • Claudio 15 Marzo 2020

    Qualcuno ha detto che fare il giornalista è sempre meglio che lavorare.
    Non credo sia vero ma sparare cazzate e produrre programmi spazzatura è certo meglio che lavorare.
    Questo signore è laureato in medicina ma certo non aveva troppa voglia di farsi il culo.
    E’ sempre così il primo che canta è quello che dovrebbe starsene zitto.
    Ho mia nipote che fa la biologa a Londra.
    Ho un altro nipote che fa l’architetto in Irlanda.
    Viva l’Italia che lavora !

  • Osman Francesco Zanfini 15 Marzo 2020

    È ancora prigioniero dei loro luoghi comuni su di noi….Vorrei solo ricordargli che è più facile vedere la pagliuzza negli occhi di un altro che una trave nel proprio…. Intelligenti pauca.

  • roberto bassi 15 Marzo 2020

    licenziatelo immediatamente e speditecelo che lo mandiamo in corsia all’Ospedale Sacco di Milano. sei un essere indecente