In Giappone, il Paese più vecchio del mondo, solo 35 morti di coronavirus: ecco una spiegazione

sabato 21 marzo 15:10 - di Gabriele Felice

Riceviamo e volentieri pubblichiamo. “Un farmaco usato in Giappone per curare l’influenza sta dando ottimi risultati nel trattamento del nuovo coronavirus che causa COVID-19. Il farmaco antivirale, chiamato Favipiravir o Avigan, ha mostrato risultati positivi in studi clinici che hanno coinvolto 340 persone a Wuhan e Shenzhen e ha inoltre dimostrato un alto grado di sicurezza, secondo quanto riferito da Zhang Xinmin, del ministero della scienza e della tecnologia cinese, (The Guardian).

Il farmaco antivirale sperimentato in Giappone

I raggi X hanno confermato miglioramenti delle condizioni polmonari in circa il 91% dei pazienti trattati con favipiravir, rispetto al 62% in quelli senza farmaco e sono diventati negativi per il virus dopo una media di quattro giorni. Nello studio di Wuhan anche la durata della febbre si riduce sensibilmente passando  da una media di poco più di 4 giorni a 2 giorni e mezzo. Ombre riguardo all’efficacia paiono esserci “quando il virus si è già moltiplicato” per cui i medici stanno usando lo stesso farmaco per trattare i pazienti con sintomi da lievi a moderati (fonte Mainichi Shimbun).
Inoltre potrebbe causare deformità fetali e non dovrebbe essere usato da donne in gravidanza o da coloro che stanno tentando di concepire. Favipiravir avrebbe bisogno dell’approvazione del governo per l’uso su vasta scala su pazienti Covid-19, poiché inizialmente era destinato a trattare l’influenza.

Un funzionario della sanità ha detto al Mainichi che il farmaco potrebbe essere approvato già a maggio. “Ma se i risultati della ricerca clinica vengono ritardati, anche l’approvazione potrebbe essere ritardata.”
Si prevede inoltre che un’azienda farmaceutica cinese produca in serie il farmaco e garantisca un approvvigionamento stabile.

120 milioni di giapponesi scampati al coronavirus

Il Giappone, nel frattempo, ha una scorta di circa due milioni di pillole di Avigan, secondo quanto riferito da The Mainichi. Al momento, i morti di Coronavirus sono solo 35 dall’inizio dell’emergenza. E questo nel Paese più vecchio del mondo, con una popolazione di 120 milioni di abitanti.
Come che sia a Tokyo la vita comincia a riprendere”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • nicoletta 22 marzo 2020

    mi sembra di impazzire, perche’ ma dico perché’ queste notizie non vengono date invece dell’ossessivo martellamento delle tv di stato su morti e tragedie, un paese chiuso, che pagherà’ moooolto caro tutto cio, cosa c’e’ veramente dietro ad un governo che fino ad ora per firmare anche un pezzo di carta igienica impiegava anni, e in 15 giorni ha paralizzato tutto, ridotto le persone ad un branco di pecore senza cervello, che non pensano più’, sono già in molti casi l’una contro l’altra, al tg 14 del 18 marzo abbiamo assistito ad una cosa vergognosa, e cioè’ un signore che dice di essere un giornalista, Mario Giordano, ha gridato a tutta voce che l’istituto superiore della sanità non doveva dire che i morti su 300 cartelle erano 3, ma ci rendiamo conto???? ma se questo non e’ un colpo di stato che altro lo e’????

  • lino 22 marzo 2020

    Come mai non viene usato in Europa? mi sembra assurdo che almeno non lo si ESPERIMENTI…. quale puo essere la ragione…qualcuno puo dare spiegazioni?

  • ciro miele 22 marzo 2020

    Se questo è vero allora significa che stiamo nelle mani di pazzi scatenati in Italia.

  • Anna rita 22 marzo 2020

    E noi??? Perché non prendiamo esempio dal giappone?? Quanti morti ancora???fate presto!!

  • Scozzafava Osmondo 22 marzo 2020

    In Giappone c’è un’unica anima che dirige
    In Italia tanti stolti che parlano.

  • Leonardo 21 marzo 2020

    Dovremo quindi aspettarci un calo demografico imponente in Giappone?

  • Leonardo 21 marzo 2020

    Quindi in Giappone dovremo aspettarci un calo demografico imponente?

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza