E ora anche l’Africa diventa davvero un problema: il coronavirus “scavalca” il Sahara

martedì 10 Marzo 17:21 - di Sveva Ferri
africa

Il primo caso in Congo, il primo morto in Marocco, nuovi contagiati in Egitto. Il coronavirus prende piede anche in Africa, con il temutissimo scenario che si porta dietro. La prima vittima di tutto il continente si era registrata due giorni fa in Egitto: era un turista tedesco arrivato già malato. Ora a dare notizia di un altro decesso è il Marocco.

Una vittima anche in Marocco

La vittima è stata registrata a Casablanca e anche in questo caso veniva da fuori. Si tratta di una donna marocchina di 89 anni, con patologie pregresse, che secondo Al-Jazeera era arrivata nel Paese da Bologna. Non è chiaro, però, da quanto tempo fosse rientrata in patria. Oltre alla vittima, le autorità marocchine hanno confermato finora un totale di tre contagi, l’ultimo dei quali stamattina. Si tratterebbe di un turista francese arrivato sabato a Marrakesh. Intanto, il primo ministro Saad Eddine el-Othmani ha annunciato la sospensione di tutti i collegamenti da e per l’Italia “fino a ulteriore avviso”.

In Egitto 59 contagi: scattano i divieti

L’Egitto resta il Paese in cui, allo stato attuale, si conta il maggior numero di contagiati. Ad oggi sono 59, 4 in più dell’ultimo conteggio e abbastanza da spingere il primo ministro Mostafa Madbouli a sospendere tutte le attività che prevedano la partecipazione di un ingente numero di persone, oltre a quelle che prevedono ampi spostamenti di cittadini tra diverse province. Sempre dall’Egitto proveniva, inoltre, la prima vittima da coronavirus registrata in Libano. Il paziente era ricoverato in quarantena nell’ospedale Rafiq Hariri di Beirut.

Il coronavirus arriva nell’Africa sub sahariana

Infine, il coronavirus è arrivato anche nell’Africa sub sahariana con il primo caso di positività in Congo. A darne l’annuncio è stato il ministro della Salute della Repubblica democratica, Eteni Longondo, spiegando che è stato rilevato nella capitale Kinshasa.

 

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • UGO 11 Marzo 2020

    tedeschi, untori di europa.