Così la Rai ha ricominciato a cancellare la Meloni. Partendo dal Tg1

lunedì 2 marzo 6:00 - di Francesco Storace

Fabrizio Salini ha capito o no che cosa succede in Italia, a partire da quello che la Rai sta facendo alla Meloni? L’amministratore delegato di viale Mazzini si rende conto di come sta cambiando l’Italia? Oltre che barcamenarsi tra gli appetiti mai soddisfatti dei partiti, il numero uno dell’azienda del servizio pubblico ha un dovere: ristabilire il minimo di decenza nei telegiornali che manteniamo noi cittadini italiani.

Il trattamento verso Fratelli d’Italia è scandaloso. Faccia come noi e si metta a spulciare i dati dell’ultimo mese disponibile, gennaio. Trentuno giorni in cui non era ancora esploso come ora il dibattito sul coronavirus. A gennaio prevaleva la politica interna, è stato il mese delle elezioni regionali, delle proposte sulle soluzioni italiane per la crisi libica e dell’autorizzazione a procedere su Salvini per il caso Gregoretti e le conseguenti polemiche sull’immigrazione.

Meloni e Rai: il caso Tg1

Un partito che l’ultimo sondaggio – ieri sul Corriere della Sera – balza al 13,3 ad appena lo 0,7% dai Cinquestelle – e che ad ogni elezione si piazza oltre la doppia cifra, è incredibilmente sottovalutato dai telegiornali. Giorgia Meloni ultima – come mostra la tabella – tra i dieci protagonisti del dibattito.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • FAUSTO 4 marzo 2020

    Ma la RAI non è un servizio pubblico per cui paghiamo una barca di soldi. tagliamo il finanziamento e consideriamola una emittente privata

  • elio lombardo 2 marzo 2020

    anche le casalinghe, come e’ mia moglie, si sono accorte dell’oscuramento che viene effettuato dai telegiornali verso Giorgia Meloni. Ieri altro, mia moglie, che di politica ne mastica poco e che e’ cresciuta in una famiglia che votava a sinistra, mentre seguiva il tv e le notizie politiche erano terminate, rivolto a me dice: elio, ma la Meloni non la fanno mai parlare?

  • Giuseppe Malaisi 2 marzo 2020

    Se mai si dovesse tornare a far votare gli italiani (io non credo che sarà possibile nemmeno alla scadenza della legislatura) la bonifica di tutto l’apparato pubblico dovrà essere di carattere generale; nessun organo potrà più essere gestito dagli attuali personaggi.
    Perchè direttore Storace si stupisce se l’on.le Meloni è relegata, dalla RAI, in un cantuccio dove il PD, malgrado rappresenti si e non 1/5 degli italiani, continua a fare il bello ed il cattivo tempo ?

  • maurizio pinna 2 marzo 2020

    Giusto rimarcarlo, ma in un Paese che nonostante il virus continua a importare clandestini FREGANDOSENE della salute dei cittadini, che elegge a portavoce del contagio un ominide che inciampa su una parola ogni tre, che non ha MAI pensato ai posti letto, agli infermieri, alle strutture, che non pensa a niente se non al proprio bieco tornaconto, ma cosa volete mai che si possa sensibilizzare sui DIRITTI di Giorgia!

  • Mario Salvatore Manca 2 marzo 2020

    E questa hanno la sfacciataggine di chiamarla “democrazia”?! A me pare di essere ripiombato ai tempi del KGB o se vogliamo della Gestapo (tanto per non far sorgere il sospetto infondato che vediamo solo il male delle dittature rosse).
    Vergogna marcia! Dato che siamo in clima di Corona virus, mi viene in mente quello che il Manzoni a proposito della peste metteva in bocca al comodo don Abbondio: “La peste è come una scopa che porta via tanti mali” (o qualcosa del genere: non ho la memoria perfetta). Ebbene: che il Corono virus sia come la peste, che porti via i vari Conte, Di Maio, Salini, Renzi, e quanti altri.

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza