«Niente “Bella Ciao” in Chiesa, io sono il prete di tutti»: parroco disintegra la Parietti in tv (video)

sabato 15 febbraio 18:16 - di Adriana De Conto
“Bella Ciao”

Un prete coraggioso a Diritto e Rovescio da Paolo De Debbio le ha cantate alla sinistra e ai preti “ideologhi” che fanno cantare “Bella Ciao” in chiesa. Un intervento veemente. Il sacerdote tentava di spiegare all’onnipresente Alba Parietti in studio perché cantare un inno di parte come “Bella Ciao” al termine di una finzione religiosa sia da censurare. Anzi, sia “una vergogna”, dirà al termine del suo intervento. Da ridere, perché la Parietti minacciava di andarsene, sdegnata; e un impaziente Del Debbio, alla fine, la prendeva in filosofia: ” E vabbè, faccia quel che vuole Pariè…”, diceva con il suo intercalare tosccano irresistibile.

Vi spiego perché “Bella Ciao” non si può cantare a Messa

Il sacerdote ha spiegato con calore le sue ragioni. In contrapposizione alla mania dilagante di altri preti passati agli onori delle cronache, come don Biancalani, per avere consentito di cantare il brano. “Primache se ne vada le dico che io  sono il prete di tutti. E un sacerdote non si può permettere di tirare fuori il fazzoletto rosso e far cantare Bella Ciao, un inno comunista . “Io sono il prete di tutti. Un prete non  un ideologo”.

Per rendere ancora più chiaro il discorso che non entra nelle orecchie di chi è irrimdiabilmente fazioso, ha aggiunto: “Io sono il prete liberale, il prete di Forza nuova, di  Rifondazine comunista, dei radicali. Sono e devo essere il prete di tutti”. “Ma un prete che si comporta da ideologo è una vergogna”.

“IN CHIESA NIENTE BELLA CIAO, SONO IL PRETE DI TUTTI” 👏🏻👏🏻

Pubblicato da Lega – Salvini Premier su Sabato 15 febbraio 2020

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • 16 febbraio 2020

    Ho assistito in diretta allo scontro tra Don Abel(mitico e unico) e la Parietti,difficilmente si è visto la Parietti così in difficoltà

  • Sandy Caine 16 febbraio 2020

    Onore al sacerdote e la Parietti mandatela in Vietnam o buttatela in galera non fa alcuna differenza.

  • giorgio 16 febbraio 2020

    siamo alle solite, ora anche “”Bella ciao”” e’ diventata un inno comunista come se la lotta partigiana l’avessero fatta solo i comunisti. Tutte balle, panzane, andassero a studiare e cercare di capire, non me la sto prendendo col prete che ha assunto una posizione corretta ma con tutti quelli che stravolgono la storia o perché non studiano o perché sono in assoluta malafede. La Parietti che e’ divenuta una opinionista(?????), opinionista poi di che? andasse dove meglio sta e una volta tanto una seria riflessione non solo storica.

  • Claudia 16 febbraio 2020

    Ma questa “signora” Parietti che adesso tranciato giudizi politici, di cui non capisce nulla ma che è? Chi rappresenta che è onnipresente in tutto i dibattiti, cosa ha fatto nella vita da essere “un’ esperta ” sa cosa diceva la mia brava nonna ” quando il mondo non mi vuol più mi do a Gesù ” questo per essere educata e non dire altro, ma mandatela a lavorare per una volta nella sua vita. Queste sono donne di cui vergognarsi.

  • Silvia Toresi 16 febbraio 2020

    Questo è un sacerdote!!!!!!!!!!! Dio lo benedica!!!!!

  • Marinella Lanza 16 febbraio 2020

    Come sempre la signora Parietti fa notare la sua incorreggibile ignoranza …e mi si riempie il cuore di emozione nel sentire che esiste ancora un prete che si può chiamare tale ……grande uomo, grande sacerdote, in Italia forse c’è ancora qualche parroco CRISTIANO grazie di esistere .

  • Gianmarco Firenze 15 febbraio 2020

    Finalmente un prete che parla da prete… e Francesco Papà con chi sta? Con Lula!!!

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica