“Bella ciao” cantata a messa, il prete “rosso” non si pente: «I cristiani sono partigiani»

25 Nov 2019 14:13 - di Monica Pucci

Il prete “rosso” non si pente, anzi riancia. Per lui cantare “Bella Ciao” in chiesa è un atto doveroso. «Non è un capriccio nè una provocazione, ma è un segnale pensato per ricordare la doppia fedeltà del credente al Vangelo e alla Costituzione repubblicana». Così don Massimo Biancalani, parroco di Vicofaro a Pistoia, da tempo impegnato nell’accoglienza ai migranti, spiega il senso dell’iniziativa di eseguire il canto popolare della Resistenza partigiana al termine della messa domenicale (articolo e video).

Un gesto che dopo l’annuncio su Facebook aveva provocato, la scorsa settimana, “il biasimo” della Curia diocesana pistoiese e che ha ieri ha suscitato anche reazioni politiche di condanna da parte del centrodestra. «Noi cristiani per certi aspetti siamo partigiani – ha dichiarato all’AdnKronos don Biancalani -. Io personalmente mi sento di prendere una parte, non politica ma umana. Il cristiano deve essere un partigiano dell’accoglienza, della solidarietà e della giustizia. E così facendo risponde al Vangelo, che è la luce per un credente, ma anche alla Costituzione». Poi aggiunge: «Non pensavo che annunciare e cantare “Bella Ciao” scatenasse tante polemiche», ha dichiarato il parroco. Che si è detto “un po’ amareggiato” per il comunicato apparso sulla pagina Facebook della Diocesi per un paio di giorni e che poi è stato tolto.

La difesa del prete: «Giusto cantare “Bella ciao” in chiesa»

«Nessuno mi ha chiamato per sentire le mie ragioni, le spiegazioni. E io – ha precisato il sacerdote – non ho mai proposto di sostituire i canti liturgici con “Bella Ciao”. Come hp spiegato, ieri, a conclusione della messa. Chi voleva poteva rimanere in chiesa per cantare una canzone che è ormai patrimonio di tutti, di sinistra, di centro, di centrodestra, perchè lo è storicamente, per dare un segnale. Per ricordare che noi restiamo e resistiamo dalla parte dell’umanità, nonostante tutto. “Bella Ciao” è diventato ormai un inno internazionale anche per i movimenti che si occupano di diritti civili. Mi sorprende che siano proprio gli italiani a scandalizzarsi per l’uso di questa canzone da parte di una comunità che sta facendo una battaglia per i diritti umani».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

  • eddie.adofol 27 Novembre 2019

    Questo non sembra un prete sembrerebbe un barbone intrufolato nella chiesa x rubare l’elemosina, ma x caso ha litigato con il barbiere, mi sembra uno dei Beatles. POVERA ITALIA IN MANO A CHI E’ CAPITATA.

  • antonio 26 Novembre 2019

    DEMONI E ANTICRISTI.

  • ADRIANO AGOSTINI 26 Novembre 2019

    Partigiani di che? Di quale guerra? Sono solo al soldo del partito (ex) comunista. Vergognatevi! E Francesco che resta a guardare, anzi vuole formare addirittura un partito cattolico in Italia. Lo facesse in Vaticano o in Francia o in Spagna! Che grande schifo. Nei loro discorsi richiamano Gesù Cristo mentre lo stanno crocifiggendo per la seconda volta.

  • Paolo Pieraccini 26 Novembre 2019

    Dai preti(e dal Vaticano) ci si può aspettare di tutto

  • Natalino 26 Novembre 2019

    E tu “Bella ciao” la puoi cantare quando vuoi, ma non in chiesa, luogo sacro, e rispettato da noi cattolici. E se vuoi ti chiamo per nome…. ma non desidero offenderti.

  • rino 26 Novembre 2019

    Ricordo al prete comunista, che chi cantava bella ciao ammazzava anche i preti. Vorrei vedere se fosse vissuto a quei tempi cosa avrebbe cantato.

  • Silvia Toresi 26 Novembre 2019

    Se continua così divento buddista!!!

  • Mauro Collavini 26 Novembre 2019

    A questo pseudo prete vorrei ricordare che finalmente i partigiani non esistono più; Sono tutti o quasi morti per raggiunti anni di età come pure i fascisti. Pertanto sarebbe ora di finirla con queste due parole anche perchè oggi da una parte ci sono i coglioni dei porti aperti come lui mentre dall’altra ci sono i nazionalisti come me.

  • giovanni vuolo 25 Novembre 2019

    Che vergogna !!! Però, credo che sotto il pontificato di Papa Francesco, questo prete diventerà cardinale.

  • Giacomo Sicolo 25 Novembre 2019

    I cristiani non cantano l’inno degli #StupriPartigiani!

  • SUGERITI DA TABOOLA