Coronavirus, Tosini (Ugl) denuncia: «Assordante silenzio Rai sulle misure anti-contagio in azienda»

sabato 22 Febbraio 18:35 - di Redazione
studio tv Rai foto Ansa

«Assordante il silenzio della Rai sulle misure atte a prevenire il rischio di contagio da Coronavirus in azienda». Lo dichiara Fabrizio Tosini, coordinatore nazionale Ugl Fnc Rai. «Abbiamo sollecitato da giorni che ci venissero indicate le procedure messe in atto per affrontare una potenziale emergenza che rischia di far venire meno la continuità del servizio pubblico radio televisivo. Senza ottenere alcuna risposta, se non balbettanti ed improvvisate dichiarazioni di qualche dirigente animato da buona volontà ma di secondo piano. In questa situazione delicata  – continua il sindacalista – si rivela il dilagare di un irresponsabile immobilismo che, proprio come un virus, contagia da mesi i direttori preposti alla sicurezza aziendale».

Coronavirus, Tosini (Ugl): silenzio Rai sulle misure anti-contagio in azienda

«Perché non ci si accerta se qualcuno dei dipendenti Rai sia residente nelle aree interessate dal contagio in Italia? Cosa accadrebbe se uno o più colleghi fossero positivi ai test? Quale screening è previsto in caso di sindromi influenzali dietro le quali si potrebbe celare il coronavirus? Domande quasi scontate alle quali in Rai nessuno si è preoccupato di rispondere», sottolinea Tosini. Che poi prosegue e conclude sempre nel segno della polemica la sua denuncia sindacale. «Qualcuno in azienda si sta occupando di predisporre un piano di business continuity per garantire l’informazione pubblica, servizio essenziale per tutti i cittadini? O dobbiamo forse attendere che telegiornali e canali Rai “finiscano a nero”?». Domande in attesa di una risposta…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • VINCENZO DI TOLVE 23 Febbraio 2020

    COVIT-19: TUTTA COLPA DI MATTARELLA E DEL GOVERNO
    Secondo voi, se avessimo un altro Governo e un Capo di Stato eletto dal Popolo o se Mattarella avesse applicato la Costituzione, non avremmo meno casi d’infezioni e decessi, e non quinto nel mondo? Altri sono alcuni giornali terroristici e che dire della Ra-Telekabul che prima ordina di rimanere a casa e poi non manda in onda fiction NCIS per ascoltare cavolate con gli stessi ancora soloni all’arrembaggio? D’accordo, la prevenzione ma l’allarmismo e sappiate che le Leggi Economiche Napolitano-Monti hanno fatto più morti e disastro! Oggi “Si sta come d’autunno sugli alberi le foglie ” per colpa di “Uomini, mezz’uomini, ominicchi, pigliainculo e quaquaraquà che dobbiamo dire grazie a Mattarella. In poche parole, il Popolo della fu, grande del Bel Paese conta meno d’un fagiolo. https://vincenzoditolve.wordpress.com/2020/02/23/covit-19-tutta-colpa-di-mattarella-e-del-governo/

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica