Brexit, Londra stringe le maglie sui lavoratori stranieri: porte chiuse a chi non parla inglese

mercoledì 19 Febbraio 15:16 - di Giorgia Castelli
Brexit

La Gran Bretagna post Brexit diventa più selettiva. Porte chiuse ai lavoratori non qualificati e a chi non parla inglese. Sono queste le nuove linee sull’immigrazione presentate dal governo di Boris Johnson, basate su un sistema a punti simile a quello australiano. Fra le misure elencate sul sito del Guardian, viene anche specificato che alla frontiera non verranno più accettate carte d’identità di Paesi come Francia e Italia. Secondo il quotidiano, il motivo è di evitare che lavoratori extra Ue ingannino il sistema con carte d’identità falsificate.

Brexit, come funziona il nuovo sistema

Il nuovo sistema della Gran Bretagna post Brexit stabilisce che i visti dei lavoratori stranieri entrerà in vigore a gennaio 2021. Il governo conservatore ha voluto sottolineare che si tratta di un’opportunità unica per prendere “il pieno controllo” dei confini britannici. Ed eliminare “le distorsioni” delle regole europee di libertà di movimento.

Ma la scelta di aprire le porte solo a lavoratori qualificati, scrive il Guardian, non piace agli industriali che avvertono del rischio di conseguenze “disastrose”. Le conseguenze potrebbero essere perdite di posti di lavoro e chiusura di fabbriche, bar e ristoranti.  Il documento di 10 pagine diffuso dal governo sottolinea per venire nel Regno Unito bisognerà avere un’offerta di lavoro con un salario minimo di 25.600 sterline. Anche se saranno possibili eccezioni per un salario fino a 20.480 nei casi in cui ci sia carenza di lavoratori. Come per gli infermieri. Artisti, sportivi e musicisti potranno continuare a venire per spettacoli, gare o audizioni.

Un sistema a punti

Per venire a lavorare in Gran Bretagna bisognerà ottenere 70 punti, in una scala che assegna un punteggio per determinati criteri. Come la conoscenza della lingua, l’offerta di un lavoro, la mancanza di lavoratori in quel settore, le qualifiche professionali. Si potrà venire in visita fino a sei mesi senza visto, ma non sarà possibile lavorare.

E non ci saranno permessi di lavoro, sottolinea la Bbc, per migranti disponibili a lavori meno qualificati in alberghi, ristoranti, case di riposo per anziani e il settore agroalimentare. È però previsto uno schema per 10mila persone per i lavoratori stagionali in agricoltura. Così come vi saranno “accordi per la mobilità giovanile” per apriranno ogni anno le porte a 20mila giovani.

Il nuovo sistema porterà in Gran Bretagna «i migliori e i più brillanti», ha detto il ministro dell’Interno Priti Patel alla Bbc. Spiegando che il governo vuole «incoraggiare le persone con il giusto talento». E «ridurre il livello di chi viene in Gran Bretagna con basse qualifiche». L’obiettivo è raggiungere «un’economia altamente qualificata, altamente formata e altamente produttiva».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • giovanni vuolo 20 Febbraio 2020

    Gli inglesi hanno capito tutti. Bravi loro.

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica