Voto in Emilia, è scontro-tv. Borgonovo asfalta Parenzo “l’ilare”: «Sei come le sardine: razzista e arrogante» (Video)

lunedì 27 gennaio 15:12 - di Lara Rastellino
scontro Borgonovo-Parenzo su La7 dalla pagina Facebook del canale

Sconto al vertice tra giornalisti: e Borgonovo asfalta Parenzo. In diretta tv, ospiti di Coffee Break su La7, David Parenzo e Francesco Borgonovo non se le mandano a dire, anzi… A disturbare la flemma britannica del caporedattore de La Verità, il solito caustico Parenzo nelle ormai logore vesti di provocatore che, sorriso beffardo e arroganza tipicamente dem, crede di rifilare la stoccata al collega impegnato in analisi e commento dell’esito elettorale regionale. In particolare, nella discussione tv ci si interrogava su ruolo e potenza d’impatto giocato dalle manovre delle sardine, quando, con l’irriverenza tipica di chi sente di avere la verità in tasca, Parenzo interviene a gamba tesa, senza molti argomenti, ma prodigo di sorrisetti ironici…

Sardine e voto regionale: Parenzo e Borgonovo sono scintille

Si entra subito nel merito. Le sardine hanno giocato un ruolo ambiguo nella campagna elettorale per le regionali e nell’analisi e commento tv non poteva esimersi una disamina anche su loro. Borgonovo, Contro l’onda che sale. Perché le sardine e gli altri pesci lessi della sinistra sono un bluff è titolato a parlarne. E, chiamato in causa, prova a rispondere e argomentare. Usiamo non a caso il termine “prova”, perché in effetti, all’enunciazione del primo pensiero Parenzo sferra subito l’attacco a suon di sorrisetti satirici, costringendo il caporedattore de La Verità a interrompersi e a replicare. «Visto che il collega ha la simpatica abitudine di parlare dei miei libri senza leggerli – del resto lo ha fatto anche con altri (Giorgia Meloni ndr) –tengo a precisare che io non ho mai detto che le sardine avrebbero perso. Anzi: è successo esattamente quello che avevo predetto». Poi, neanche riesce a spiegare perché, che subito l’ilare conduttore del La7, sempre sganasciandosi insiste: «Si perché uno che nel giorno in cui in emilia Romagna il risultato elettorale è quello che è, io fossi in te ritirei il libro con quel titolo per dignità eh»…

Botta e risposta al vetriolo: Borgonovo asfalta Parenzo

Secca, e risentita la risposta di Borgonovo: «E tu dovresti ritirarti dalla vita per dignità. Il bluff sta nel fatto che questi non sono il movimento di piazza autonomo che volevano far credere. Sono pilotati». di più: «Le sardine sono come Parenzo: delle persone razziste e arroganti che disprezzano l’avversario e non sanno che altro dire se non esibire una superiorità morale e non si capisce neanche per quale motivo. In una regione dove storicamente ha sempre stravinto la sinistra, loro non si sono dimostrate altro che la costola del partito democratico. E non a caso, hanno convocato le manifestazioni con mail del Pd. Sono stati supportati dall’Anpi e della Cgil... E infatti se guardate le percentuali, il M5S crolla (e aveva il 13% in Emilia: voti di delusi che sono andati in parte al centrodestra). Bonaccini rispetto al 2014 ha preso solo un 2% in più»… Quindi questa è la situazione dell’Emilia Romagna: non è una vittoria. È l’ennesima perdita di consensi della sinistra, perché è dentro un sistema di potere dove comandano da 70 anni e dove le persone che vanno a votare sono quelle che hanno un lavoro con la tessera di partito. Io ci sono nato in quelle zone, e lo so bene»… E Borgonovo si aggiudica il match tv. Senza se, e senza ma. Ma soprattutto, senza niente di cui ridere o sorridere…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • maurizio pinna 27 gennaio 2020

    Solitamente non lo faccio ma poichè il crudele servo sciocco in questione mi è antipatico, da sempre, e mi risulta che aspirare ad un suo rendez vous con un TIR non è considerato reato dalla Cassazione, uso il bonus!

  • In evidenza