Virus cinese, il Mosap: gli operatori della sicurezza sono a rischio, subito misure di protezione

venerdì 24 gennaio 18:41 - di Redazione

Le misure contro il virus che viene dalla Cina e che sta allarmando il mondo non sono sufficienti. ”Bene le misure anti-contagio adottate nello scalo aeroportuale di Fiumicino. Ma non sono sufficienti”. È il giudizio di Fabio Conestà, segretario generale del sindacato di polizia Mosap.

Il Mosap: subito misure di prevenzione per gli agenti

“Certo – dice Conestà – la prima barriera al pericolo di contagio per trasmissione deve essere laddove è il luogo fisico di arrivo di persone dalla Cina e, in particolare dalla città di Wuhan. Ma non basta perché gli uomini che lo Stato schiera in prima linea non sono solo a Fiumicino. Penso, ma è solo un esempio, alle decine di elementi delle forze dell’ordine (ed in questa definizione comprendo anche i colleghi della Polizia municipale di Roma) che sono dispiegati nelle strade della Capitale dove, in questo periodo dell’anno, numerose sono le comitive di turisti dalla Cina, alcune delle quali (per un totale di alcune centinaia di persone) provenienti da città che si trovano a poche decine di chilometri dal primo focolaio del virus. Per questo sollecito il Ministero dell’Interno a dotare in tempi brevissimi gli operatori della sicurezza (Volanti, Polizia di frontiera) di elementari  per la prevenzione. E mi auguro che identiche misure vengano adottate anche per tutti gli operatori potenzialmente esposti a rischio contagio, ovvero chi opera negli uffici immigrazione ma anche agli operatori in servizio all’ Ispettorato Vaticano”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza