Tunisino aggredisce una ragazza in strada e devasta il bar dove lei si barrica. Meloni: «Surreale» (Video)

venerdì 10 gennaio 17:20 - di Greta Paolucci
Schermata 2020-01-10 alle 15.41.47 tunisino semina il panico in un locale di Venezia frame dal video postato su Fb dalla Meloni

Immigrato tunisino dà in escandescenze e semina il panico dentro e fuori un locale di Venezia. L’ultima follia ha un video che può testimoniarne gratuità della violenza e dell’inaccettabile scempio. A denunciare e commentare la notizia sulla sua pagina Facebook ha provveduto anche la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni. Che in un eloquente post relativo all’episodio criminale, scrive: «Immigrato aggredisce i passanti e tenta di sfasciare un locale con all’interno i dipendenti e clienti terrorizzati dal surreale gesto. Un grazie alla pattuglia del Commissariato San Marco per il tempestivo intervento. Ma quanto ancora le nostre città dovranno essere teatro di queste violenze? Gli Italiani meritano uno Stato che garantisca loro sicurezza, ordine e legalità».

Venezia, tunisino dà in escandescenze e semina il panico

Già, proprio così. E invece, oggi Venezia, ieri Ferrara, il mese scorso Napoli, per non parlare di Roma e Milano, sono sempre più spesso teatro di drammatici episodio di violenza anche d’importazione straniera. In questo caso, l’aggressore è un immigrato tunisino, per esempio, che ha pensato bene di scatenare tutta sua furia contro una ragazza che aveva preso di mira in strada. e poi contro il locale al cui interno la giovane terrorizzata si è rifugiata. Il nordafricano, insomma, prima ha seminato il panico in strada tra i passanti. Poi ha sfogato frustrazione e rabbia contro un locale vicino la centralissima Piazza San Marco e i suoi clienti. Non pago, poi, stando anche a quanto ricostruito in queste dal sito de Il Giornale, l’uomo infuriato ha aggredito anche gli agenti delle forze dell’ordine sollecitati a intervenire dopo molteplici segnalazioni arrivate da passanti e residenti.

Prende di mira una ragazza e la segue fino al locale dove lei si barrica

Tutto si consuma in quelli che sembrano interminabili minuti di violenza cieca e immotivata. Quando, come denuncia la stampa locale e rilancia il sito del quotidiano diretto da Sallusti, «nel sestiere di San Marco, intorno alle ore 23:00 dello scorso 8 gennaio» il nordafricano, «in evidente stato di alterazione, ha cominciato a prendere inspiegabilmente di mira numerose persone incrociate per strada. Fra queste anche una ragazza che, terrorizzata, sarebbe andata a rifugiarsi all’interno della “Osteria all’Alba”, dove l’esagitato soggetto l’ha seguita». Vani tutti i tentativi di riportarlo alla ragione: l’uomo continua a dare di matto e, afferrato uno sgabello o qualcosa di simile, come si vede nel video postato in basso, si mette a infierire contro le vetrate del locale. Mentre clienti, titolari e dipendenti, barricati all’interno, assistono sconcertati e terrorizzati alla scena.

Poi devasta il locale e terrorizza passanti e clienti

Nel giro di breve le vetrate sono in frantumi e passanti e clienti del locale sotto choc. l’extracomunitario, nel frattempo, neppure minimamente intimorito dall’arrivo delle forze dell’ordine, continua a portare avanti la sua opera di distruzione e, quando la polizia arriva, fatica a contenerlo e a immobilizzarlo. Poi, una volta bloccato, gli agenti riescono ad ammanettarlo e a identificarlo. Si scopre così che è un tunisino 29enne. Ma sulle cause di tanta efferata follia è ancora mistero…

Sotto, il video dell’aggressione di un tunisino a Venezia postato dalla pagina Facebook di Giorgia Meloni

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • antonio 11 gennaio 2020

    1 euro di fuoco e il problema sarebbe risolto, uno in meno

  • angiolo 11 gennaio 2020

    andava ucciso

  • Silvia 11 gennaio 2020

    Io lo rimanderei a calci nel sedere a casa sua.

  • Giuseppe 11 gennaio 2020

    Siamo diventati agnellini, non abbiamo più il coraggio di reagire a tutta questa prepotenza, d’altronde se reggiamo lo stato ci punisce

  • In evidenza