Neve e precipitazioni caratterizzano il weekend. Basse temperature secondo le previsioni

venerdì 17 gennaio 9:29 - di Redazione
neve

Giungono importanti conferme sull’evoluzione atmosferica prevista nei prossimi giorni e soprattutto in merito al ritorno delle neve entro il fine settimana.
Scopriamo subito dove scenderà, con l’aiuto del sito Ilmeteo.it, a che quote e gli accumuli attesi nelle principali località.

Come emerge dagli ultimi aggiornamenti a nostra disposizione, già da oggi e per buona parte del weekend una perturbazione riuscirà a far breccia nel blocco anticiclonico che perdura ormai da tante settimane, provocando le prime precipitazioni su parte del Centro-Nord. In questa fase, viste le basse temperature, si potrebbero già avere nevicate sparse sulle Alpi occidentali, fin sotto i 700 metri. Successivamente, nella giornata di sabato, il peggioramento si estenderà al resto dell’arco alpino. Si prevede neve fin sul fondovalle della Valtellina ed intorno ai 5/600 metri tra alto Veneto e Trentino Alto Adige.

Arriva la neve sull’Appennino tosco-emiliano

Sull’Appennino tosco-emiliano la neve potrà cadere a partire dai 700 metri di quota, con località come Sestola (MO) e passo dell’Abetone (PT) pronte a fare il pieno in vista della seconda parte della stagione sciistica.
Da valutare, tuttavia, l’intensità delle precipitazioni e il freddo che potrebbe sedimentarsi nei bassi strati grazie alle inversioni termiche. Questo potrebbe favorire un ulteriore crollo della quota neve e addirittura non sono da escludere delle sorprese bianche a Trento e a Bolzano.

Domenica maltempo al centrosud

Le Dolomiti dovrebbero vedere discreti accumuli con questo tipo di correnti, con circa 10 cm attesi entro la fine dell’evento in località come Cortina d’Ampezzo (BL), Madonna di Campiglio (TN), Canazei (TN) e Dobbiaco (BZ).

Domenica il maltempo si sposterà al Centro-Sud con nevicate sugli Appennini, specie tra Marche e Abruzzo, oltre i 900/1000 metri.

Magari le piogge aiuteranno le città ad uscire dal dramma del blocco della circolazione, che a Roma si è estesa addirittura ai veicoli diesel di ultima generazione…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza